Pubblicità

E’ la storia di Marco. Dopo 25 anni di assistenza infermieristica ha deciso di abbandonare la professione per dedicarsi al Reiki, di cui è istruttore da 2 lustri. Ora guadagna fino a 5000 euro netti al mese.

La sua è una storia di ordinaria rassegnazione al nullismo professionale e stipendiale che si vive quotidianamente all’interno della Professione Infermieristica in Italia. Marco ha 52 anni e per 25 anni ha fatto l’infermiere, fino a quando ha incontrato l’amore della sua vita: il Reiki. Pochi mesi fa, dopo un anno di aspettativa non retribuita, ha deciso di licenziarsi dall’Azienda Sanitaria per cui lavorava e di dedicarsi anima e corpo all’assistenza olistica.

“Ora mi chiamano dottore, indosso un camice bianco e sono apprezzato per il mio ruolo professionale, anche se mi è dispiaciuto tanto abbandonare il mondo dell’infermieristica perché ci credevo in quello che facevo – ci spiega l’interessato – non sono il primo, né sarò l’ultimo ad aver lasciato. Purtroppo fare l’Infermiere oggi è diventato sempre più difficile e con gli stipendi da fame che ci danno non è più possibile sopravvivere, soprattuto se hai un mutuo e dei figli”.

Come lui anche altri colleghi hanno scelto di “congelare” il lavoro da Infermiere e di dedicarsi alle discipline olistiche, tra cui il Reiki.

“Forse un giorno me ne pentirò, ma oggi con quasi 5000 euro al mese vedo un futuro differente – conclude Marco – davanti a me vedo una vecchiaia più serena, fatta di considerazione e di rispetto per un ruolo che svolgo anch’esso con passione”.

Cos’è il Reiki.

Il Reiki è un Metodo di Risveglio dello Spirito, Crescita Personale e sistema di Autoguarigioneriscoperto grazie ad un intensa esperienza meditativa e di illuminazione da Mikao Usui Sensei, in Giappone intorno al 1920.

L’energia viene canalizzata attraverso le mani di chi pratica la disciplina del Reiki, e tende a fluire spontaneamente nel corpo del ricevente nei punti dove è maggiormente necessaria. Il beneficio primario lo trae prima di tutto il corpo che viene educato o ri-educato ad attivare prontamente il nostro naturale processo di guarigione, e ne trarrà vantaggio anche la sfera psichica e mentale che sarà immediatamente più rilassata e calma.

Reiki é un’antica arte di Meditazione basata sul totale Riequilibrio Energetico, in grado di individuare le cause dei blocchi fisici e psichici infondendo energia e benessere.

Inoltre il Reiki é una tecnica, priva di controindicazioni, capace di coadiuvare e supportare qualsiasi terapia e trattamento, di medicina tradizionale e naturale.

Ma la disciplina Reiki é principalmente una via di Crescita Personale, dove la verità, una volta sciolti i blocchi fisici, nutre la coscienza finalmente in grado di ampliarsi oltre i limiti che la mente le ha imposto.

L’approccio alla disciplina del Reiki, costante e profondo nella sua pratica quotidiana, ripristina con incredibile velocità l’Armonia ed Equilibrio originari dell’individuo.

La formazione e il training in alkaemia per divenire Operatore Reiki è tra le più complete, nel corretto uso del Reiki della tradizione Giapponese e quello di tradizione Occidentale, senza snaturare l’Essenza della Disciplina con tecniche e metodologie che nulla hanno a che fare con il Reiki.

Il Reiki divulgato e praticato in alkaemia è un insieme molto vasto di stimolanti metodi, pratiche energetiche, e tecniche operative efficaci di Trasformazione di Sè, e mostra alle persone il modo di usare la Consapevolezza come catalizzatore della loro Guarigione.

Buona fortuna Marco!

Se avete storie simili da raccontare scrivete pure a: [email protected].