Pubblicità

Infermiere Libero Professionista denuncia: lo Studio Associato gli ha rifiutato le ferie per motivi organizzativi.

Infermiere Libero Professionista ci scrive: Studio Associato gli ha negato le ferie per motivi organizzativi!

“Gentile redazione di AssoCareNews.it

vi scrivo perchè portate sempre avanti le battaglie di noi poveri infermieri che hanno scelto o si sono trovati a fare la libera professione.

Lavoro da due anni presso uno Studio Associato e quest’anno da quando ci hanno aperto la possibilità di indicare i periodi di ferie in cui eravamo indisponibili ai turni, sono emerse alcune irregolarità.

Prima: ci hanno messo a disposizione (siamo molti nello studio!) il periodo dal 25 giugno al 30 settembre.

Seconda: Massimo due settimane ciascuno.

Adattandosi mi sono sentito con i colleghi della RSA e del centro analisi e ho scelto le due prime di luglio.

Lo studio mi ha fatto attendere fino al 10 giugno per poi dire che non potevo prenderle perchè visto che non si sapeva come si andava a finire con il coronavirus, era meglio avere meno personale possibile in ferie a fine giugno e inizio luglio.

Io gli ho fatto notare che hanno cambiato le regole in corsa e mi hanno risposto che possono farlo perchè ho firmato di sottostare alle necessità organizzative. Hanno aggiunto che ci sono troppi nuovi colleghi (tanti sono stati assunti nel pubblico e sono andati via) e che lasciare troppa gente inesperta non va bene.

Io sono libero professionista ma possibile che di libertà non ve ne sia?

Spero lo legga qualcuno che possa aiutarmi.

Andrea.