histats.com
domenica, Settembre 26, 2021
Pubblicità
HomeCronacaCultureCulture. Il colore del Paleolitico di Grotta Paglicci: artisti preistorici a confronto.

Culture. Il colore del Paleolitico di Grotta Paglicci: artisti preistorici a confronto.

Parte oggi la rubrica “Culture” diretta dal prof. Andrea Ruscitto. Su AssoCareNews.it spazio alla letteratura, all’arte, al teatro, all’archeologia e a quant’altro è cultura.

Il colore elemento fondamentale per ogni artista, grammatica visiva nonché strumento espressivo principale, ha sempre affascinato e permesso di comunicare con il mondo sin dall’antichità.

Grotta Paglicci sito peleolitico di straordinaria importanza mondiale, situato nel comune di Rignano Garganico (FG), le Grotte di Lascaux, situate vicino al villaggio di Montignac in Francia e le Grotte di Altamira in Spagna, ne sono l’ esempio lampante del primordiale utilizzo di tale forza espressiva, qual è il colore, utilizzato già circa 40-35000 anni fa.

Il cavallo di Lascaux.
Il cavallo di Lascaux.

Ma cosa accomuna i colori di questi tre importanti siti archeologici?

I dipinti di Altamira.
I dipinti di Altamira.

L’utilizzo dei materiali, che certamente si diversificavano per la consistenza cromatica, ma anche il loro reperimento, che consisteva generalmente nel ricavare piccoli blocchi di ocra gialla o rossa, carbone , ematite, magnese, etc.

Da questo si capisce come nel Paleolitico i colori che si potevano ricavare erano generalmente quattro: il rosso, il giallo, il nero e il bianco. Le pitture rupestri di questi tre importanti siti archeologici ci permettono di coglierne anche le diverse sfumature cromatiche e di tono, per la rappresentazione di immagini che hanno inizialmente scopi magici e propiziatori.

Particolare rilievo assumono oggi le pitture rupestri di Grotta Paglicci (che da qualche settimana offre la possibilità a tutti di poter visionare un museo all’avanguardia, dedicato al paleolitico della grotta) il quale autore o autrice può essere considerato il Michelangelo delle pitture rupestri, visto l’originalità di una figura in particolare, rappresentante un cavallo rampante e il colore (un rosso ocra) che si dimena e nello stesso tempo raccoglie e delinea le forme della intera figura.

Prof. Andrea Ruscittohttps://www.assocarenews.it/
Andrea Ruscitto nativo di Rignano Garganico vive a San Marco in Lamis, dove frequenta e consegue la maturità scientifica . Guida Turistica Archeologica e Ambientale –Regione Puglia. Consegue la laurea triennale in lettere moderne con tesi in sociologia dell’arte e della letteratura, dove discute anche di alcune sue opere pittoriche, consegue la Magistrale in Filologia e lettere moderne con tesi in Filologia e linguistica romanza, con particolare interesse sullo studio e sull’influenza del Latino sul cristianesimo. Attualmente docente di Letteratura italiana e Latino, si occupa da anni dello studio del colore con la produzione di opere d’arte su tela e materiali eterogenei, vanta di alcune mostre personali e collettive anche all’estero, nonché di recensioni da parte di critici d’arte come la Dott.ssa Sabrina Falzone. Collabora e ha collaborato con l’amico e giornalista dott. Angelo Del vecchio, con il quale ha pubblicato alcune sue storie sul libro “Racconti e leggende del Gargano“.
RELATED ARTICLES

1 commento

Comments are closed.

Novità

© 2021 Tutti i diritti sono riservati ad AssoCareINFormazione.it.

© 2021 ACN | Assocarenews.it

Associazione di promozione culturale – In attesa di registrazione al Tribunale di Foggia.

Direttore: Angelo “Riky” Del Vecchio – Vice-Direttore: Marco Tapinassi

Incaricati di Redazione: Felice La Riccia, Lorisa Katra, Michela Ciavarella, Michelarcangelo Orlando, Francesca Ricci, Gioacchino Costa.

Per contatti: WhatsApp > 3805851500 – Cellulare 3489869425 Scrivici PEC

Redazione Puglia: Via Renato Guttuso, 4 – Rignano Garganico (FG) – Codice Fiscale: 91022150394

Redazione Toscana: Via Girolamo Fracastoro, 27 Firenze – Codice Fiscale: 91022150394