Pubblicità

Coronavirus: una vignetta prodotta da un gruppo separatista germanofono deride le vittime italiane dell’epidemia. Vergogna!

Coronavirus: nel pieno della crisi sanitaria e degli impietosi bollettini giornalieri, un gruppo para-militare separatista a matrice germanofona deride pubblicamente i nostri morti.

Lo fa attraverso una vignetta divulgata via web, come spiega Alessandro Urzì, consigliere della provincia di Bolzano e della Regione Trentino Alto Adige per Fratelli d’Italia – L’Alto Adige nel cuore “In queste ore sui siti e profili social degli Schuetzen dell’Alto Adige, organizzazione paramilitare anti taliana, sta girando una vignetta aberrante che ironizza sulle drammatiche morti per coronavirus giocando sull’inno di Mameli e sulla frase siamo pronti alla morte. Un atto indegno che denunciamo a tutte le Istituzioni preposte affinché in rispetto dei nostri connazionali che hanno perso la vita vengano rimosse queste forme di violenza anti italiana”.

Nella grafica si ironizza sulla parte dell’inno di Mameli che cita “Siamo pronti alla morte”.

Una vera vergogna che sta ricevendo moltissime denunce presso la polizia postale.