histats.com
giovedì, Aprile 18, 2024
HomeIn evidenzaMalattia del deperimento cronico negli esseri umani: cos'è e può essere trasmessa...

Malattia del deperimento cronico negli esseri umani: cos’è e può essere trasmessa dai cervi zombie?

Pubblicità

Malattia del deperimento cronico negli esseri umani: cos’è e può essere trasmessa dai cervi zombie?

La “malattia del deperimento cronico” (CWD) è un termine specifico per una malattia neurodegenerativa che colpisce cervidi come cervi, alci e renne. Non esiste una malattia equivalente negli esseri umani con lo stesso nome.

Esistono tuttavia alcune encefalopatie spongiformi trasmissibili (TSE) che colpiscono gli esseri umani e presentano alcune similitudini con la CWD. Tra le TSE umane più note ricordiamo:

  • Morbo di Creutzfeldt-Jakob (CJD): la TSE umana più comune, caratterizzata da un rapido declino cognitivo, atassia e mioclonie;
  • Variante del CJD (vCJD): una forma di CJD associata al consumo di carne bovina contaminata dal prione della “mucca pazza”;
  • Insonnia fatale familiare (IFF): una TSE ereditaria con sintomi simili al CJD, ma con una progressione più lenta.

Differenze e similitudini.

Le TSE umane, come la CWD, sono causate da prioni, proteine anomale che si accumulano nel cervello e causano danni neuronali. Le TSE sono progressive e fatali, non esiste una cura conosciuta.

D’altro canto, le TSE umane non si trasmettono attraverso il contatto con cervi o altri animali infetti dalla CWD. Le TSE umane si trasmettono attraverso:

  • Contatto con fluidi corporei infetti (ad esempio, sangue, midollo spinale);
  • Trapianti di organi o tessuti;
  • Strumenti chirurgici contaminati;
  • In alcuni casi, le TSE possono essere ereditarie.

Ricerca e conclusioni scientifiche.

La ricerca sulle TSE è in corso per comprendere meglio la causa della malattia, sviluppare metodi di diagnosi precoce e identificare potenziali trattamenti.

Non esiste un’evidenza scientifica che la CWD possa trasmettersi agli esseri umani. Tuttavia, è importante seguire le precauzioni quando si maneggia carne di cervo o si entra in contatto con cervi selvatici:

  • Indossare guanti;
  • Cucinare la carne di cervo a temperature interne elevate;
  • Evitare di consumare carne di cervo che potrebbe essere infetta.

Sebbene non esista una “malattia del deperimento cronico” negli esseri umani, le TSE come il CJD presentano alcune similarità. È importante sottolineare che le TSE umane non si trasmettono attraverso il contatto con cervi infetti dalla CWD. La ricerca sulle TSE è in corso per migliorare la comprensione e la gestione di queste malattie.

Dott.ssa Lorisa Katra
Dott.ssa Lorisa Katra
Infermiera AOU Careggi, Social Media Manager di AssoCareNews.it. Forte sostenitrice della relazione e della comunicazione. Curiosità, gentilezza e passione per il cambiamento sono miei punti cardine. Quando svesto la casacca non esiste dolce che non possa preparare.
RELATED ARTICLES

Novità

© 2023-2024 Tutti i diritti sono riservati ad AUSER APS - San Marco in Lamis - Tra sanità, servizi socio sanitari e recupero della memoria - D'intesa con AssoCareINFormazione.it.

© 2023-2024 ACN | Assocarenews.it

Quotidiano Sanitario Nazionale – In attesa di registrazione al Tribunale di Foggia.

Direttore: Angelo “Riky” Del Vecchio – Vice-Direttore: Marco Tapinassi

Incaricati di Redazione: Andrea Ruscitto, Lorisa Katra, Luigi Ciavarella, Antonio Del Vecchio, Francesca Ricci, Arturo AI.

Per contatti: WhatsApp > 3474376756Scrivici

Per contatti: Cell. > 3489869425PEC

Redazione Centrale: AUSER APS - Via Amendola n. 77 - San Marco in Lamis (FG) – Codice Fiscale: 91022150394