histats.com
domenica, Gennaio 23, 2022
Pubblicità
HomePrimo PianoLettere ad AssoCareNews.itLa morte ai tempi del green pass. L'esperienza di lettura e di...

La morte ai tempi del green pass. L’esperienza di lettura e di vita di un Tsrm.

L’arte è lunga, la vita è breve, il passaporto è verde. La morte solatia ai tempi del green pass.

Gentile Direttore,

desidero raccontarle due brevi aneddoti; il primo appreso leggendo l’introduzione di un bel libro sulla relazione medico-paziente [1]; il secondo vissuto personalmente.

L’ambiente nel quale ha luogo il primo aneddoto è (verosimilmente) un ospedale da campo, allestito per soccorrere i soldati feriti durante la seconda guerra mondiale; l’ambiente nel quale, invece, si svolge il secondo è un ospedale italiano ai tempi della sindemia Covid-19 (estate 2021).

Pur simili i contesti – se accettiamo valido il linguaggio bellico usato dai mass media per raccontare questa emergenza sanitaria – alquanto diversi appaiono i comportamenti agiti. Esemplari quelli del medico “di guerra”, in linea con i valori, l’identità e la mission di un professionista dell’Ars longa: prendersi cura del paziente; deplorevoli quelli dei professionisti sanitari, del management e dei decisori politici che hanno dettato le regole di comportamento, protagonisti del secondo aneddoto.

<<Un soldato russo ferito gravemente, è assistito da un giovane medico: Archie Cochrane. I due non parlano la stessa lingua. Per lenire i dolori lancinanti, il medico somministra dell’aspirina senza ottenere alcun risultato; il soldato continua a gridare. Archie si siede quindi, sul letto accanto a lui e lo abbraccia. Il soldato russo, come per incanto, smette di gridare; muore comunque qualche ora dopo>>. Gridava per la paura e la solitudine, ricorderà nella sua autobiografia Cochrane, il padre della medicina basata sulle prove di efficacia (EBM). Fu una lezione indimenticabile su come prendersi cura del paziente in fin di vita.

<<Un paziente nella fase terminale di una malattia oncologica, è ricoverato in una camera di degenza singola di un reparto di medicina “non Covid”; vaccinato contro il virus venuto da Wuhan e negativo al tampone molecolare, muore senza il conforto della moglie, anche lei vaccinata con doppia dose. Non sono ammesse le visite dei familiari; misure – sostengono – necessarie per contenere in Italia l’infezione da Sars-CoV-2>>.

E’ una lezione indimenticabile su come non prendersi cura del paziente in fin di vita: il fallimento della medicina scientifica e umanistica!

Mi consola sapere tuttavia, che se solo avesse atteso qualche giorno prima di passare a miglior vita, la moglie avrebbe – grazie al green pass – potuto sedersi sul letto accanto a lui e abbracciarlo. ​ ​ ​

Francesco Sciacca, tecnico sanitario di radiologia medica

Riferimenti bibliografici.

[1] Il cervello del paziente. Le neuroscienze della relazione medico-paziente. Giovanni Fioriti Editore, ISBN-10: 8895930495

Redazione AssoCareNews.it
Redazione di AssoCareNews.it
RELATED ARTICLES

2 Commenti

Comments are closed.

Novità

© 2021 Tutti i diritti sono riservati ad AssoCareINFormazione.it.

© 2021 ACN | Assocarenews.it

Associazione di promozione culturale – In attesa di registrazione al Tribunale di Foggia.

Direttore: Angelo “Riky” Del Vecchio – Vice-Direttore: Marco Tapinassi

Incaricati di Redazione: Felice La Riccia, Lorisa Katra, Michela Ciavarella, Michelarcangelo Orlando, Francesca Ricci, Gioacchino Costa.

Per contatti: WhatsApp > 3805851500 – Cellulare 3489869425 Scrivici PEC

Redazione Puglia: Via Renato Guttuso, 4 – Rignano Garganico (FG) – Codice Fiscale: 91022150394

Redazione Toscana: Via Girolamo Fracastoro, 27 Firenze – Codice Fiscale: 91022150394