histats.com

Coronavirus. Stato di emergenza in Italia per COVID-19 fino al 31 luglio 2020. Gia a gennaio in Gazzetta Ufficiale.

Coronavirus. Stato di emergenza in Italia per COVID-19 fino al 31 luglio 2020. Gia a gennaio in Gazzetta Ufficiale.

Emergenza Coronavirus. Lo stato di emergenza in Italia per l’epidemia da COVID-19 durerà fino al 31 luglio 2020. Il Governo già lo sapeva, da gennaio in Gazzetta Ufficiale. Perché non ha informato gli italiani? E c’è chi invitava addirittura a fare gli aperitivi.

L’Emergenza Coronavirus era ben nota al Governo italiano fin dal gennaio 2020, come comunicato dallo stesso Giuseppe Conte sulla Gazzetta Ufficiale del 31 gennaio 2020. Per cui si potevano prevenire ed evitare tanti morti tra la popolazione civile, le forze dell’ordine, i militari e i sanitari.

Già da gennaio l’emergenza era nota e allora perché non ci si è mossi per evitare la catastrofe attuale? E come mai esimi esponenti del Governo Italiano addirittura minimizzavano il pericolo e invitavano ad uscire di casa a fare gli aperitivi e parlando di “un semplice raffreddore”?

Non avevamo letto quanto disposto di Gazzetta Ufficiale lo scorso 31 gennaio e non sapevamo assolutamente di questa emergenza e come noi tanti sanitari impegnati in prima fila o nelle retroguardie.

In quel periodo l’infezione stava colpendo l’intera Cina (che oggi è riuscita a contenere i contagi) e sembrava un qualcosa molto lontano da noi.

Eppure il Governo italiano ha minimizzato il pericolo, ma avrebbe avuto tutto il tempo per rifornire Medici, Infermieri, Infermieri Pediatrici, Ostetriche/i, Professioni Sanitarie, Operatori Socio Sanitari ed esponenti delle forze dell’ordine, ad esempio, dei Dispositivi di Protezione Individuale indispensabili per una guerra come quella attuale.

Il Covid-19 contagia e uccide, ma uccide a questo punto anche la Politica, che sapeva, che poteva prevenire, che sapeva del reale pericolo. Lo sapeva la Maggioranza, lo sapeva l’Opposizione. Tutti sono responsabili dello sfacelo attuale.

La sensazione, scusateci se lo diciamo francamente, è quella di trovarci di fronte ad una classe politica che improvvisa o che non è all’altezza del compito datogli dagli Italiani.

Vergognatevi tutti!

PS = Dopo questa emergenza qualcuno dovrà pagare per i morti di Stato che stiamo registrando da un mese a questa parte, vittime di un Governo ed di una Minoranza di pressappochisti.

Dott. Angelo Riky Del Vecchio

Dott. Angelo Riky Del Vecchio

Nato in Puglia, vive e lavora in Emilia Romagna, Giornalista, Infermiere e Scrittore. Già direttore responsabile di Nurse24.it, attuale direttore responsabile del quotidiano sanitario nazionale AssoCareNews.it. Ha al suo attivo oltre 15.000 articoli pubblicati su varie testate e 18 volumi editi in cartaceo e in digitale.

© 2019-2020 Tutti i diritti sono riservati ad AssoCareINFormazione.it.

© 2019 ACN | Assocarenews.it

Associazione di promozione culturale – In attesa di registrazione al Tribunale di Bologna.

Direttore: Angelo “Riky” Del Vecchio – Vice-Direttore: Marco Tapinassi

Incaricati di Redazione: Giulia De Francesco, Lorisa Katra, Michela Ciavarella, Giovanni Maria Scupola, Ivan Santoro, Gioacchino Costa.

Per contatti: WhatsApp > 3805851500 – Cellulare 3489869425 Scrivici PEC

Redazione Emilia Romagna: Viale Spadolini, 13 – Ravenna – Codice Fiscale: 91022150394

Redazione Toscana: Via Girolamo Fracastoro, 27 Firenze – Codice Fiscale: 91022150394

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: