Aiutava la padrona disabile a studiare: laurea ad honorem al cane!

Griffin, laureato a 4 zampe
Griffin, laureato a 4 zampe

Laurea ad honorem

Ha aiutato per anni la sua padrona in tutte le attività quotidiane, compreso lo studio e la ricerca universitaria, per questo, al momento della proclamazione della giovane studentessa, anche per il fedele amico a quattro zampe è arrivato l’ambito premio: una laura ad honorem. È la storia di Griffin, un golden retriever di 4 anni, che durante la cerimonia, al termine del percorso di studi della venticinquenne Brittany Hawley, si è presentato al suo fianco  con tanto di tradizionale cappello nero per ricevere la laurea honoris causa.

A volerlo fortemente è stata proprio la sua giovane padrona che soffre di dolori cronici e che in Griffin ha trovato un sostegno sia pratico che morale, fondamentale per continuare gli studi. La scuola ha approvato la richiesta per il suo cucciolo in ottobre e così si sono laureati insieme.

“Ho insistito che si laureasse anche lui perché sin dal primo giorno ha fatto tutto quello che ho fatto io”, ha spiegato la ragazza statunitense che per spostarsi è costretta anche ad usare una sedia a rotelle. Il cane infatti la aiuta ad aprire le porte, ad accendere le luci e le porta persino oggetti e libri che lei gli indica con un puntatore laser. Un aiuto che per lei è stato fondamentale per portare a termine il master in terapia occupazionale alla Clarkson University di New York. Griffin  ha “dimostrato uno sforzo straordinario, un impegno costante e una dedizione totale per il benessere e il successo dello studente” si legge nelle motivazioni del riconoscimento. “I due hanno seguito gli stessi corsi, conferenze, sessioni di studio, attività sociali, progetti di ricerca ed esperienze, facendo di Griffin un membro alla pari della nostra famiglia universitaria”, hanno spiegato dall’università. Un magnifico traguardo per Griffin, addestrato attraverso il programma «Paws4prisons» che insegna ai detenuti nelle prigioni della West Virginia ad addestrare e poi collocare i cani per assistere persone come Hawley.

Fonte: Fanpage.it – AssoCareNews.it

Potrebbe interessarti...