Topi in ospedale, protestano Infermieri e OSS. Intervento del consigliere regionale Mirco Carloni.

E’ una vergogna. Infermieri e OSS di Fabriano costretti a lavorare in presenza di topi in ospedale. In pericolo la loro incolumità e soprattutto quella dei Pazienti. Intervento del consigliere regionale Mirco Carloni.

“È molto grave quanto denunciato dagli infermieri e dagli operatori socio-sanitari sulla presenza di topi nello spogliatoio all’interno dell’ospedale Engles Profili di Fabriano, un Comune in provincia di Ancona. Si tratta dell’ennesimo pessimo caso che mette a nudo tutte le mancanze della sanità marchigiana”. Così il consigliere regionale Mirco Carloni (Area Popolare – Marche 2020) interviene sull’episodio denunciato dal personale sanitario. Protesta anche Nursind.

A rendere nota la notizia il quotidiano Il Messaggero.

“Occorre fare subito chiarezza su quanto accaduto – chiede Carloni – e su come si intende provvedere per ripristinare una condizione igienica idonea nell’ospedale di Fabriano, che da tempo è protagonista in negativo di continui disservizi denunciati dai sindacati. Presenterò subito una interrogazione urgente in consiglio regionale perché non è possibile accettare in silenzio episodi così gravi”.

“Speriamo che i topi rimangano solo negli spogliatoi e non salgano nei reparti”. Questo il commento del segretario territoriale NurSind Ancona Elsa Frogioni alla segnalazione effettuata da Infermieri e OSS dell’ospedale di Fabriano (Ancona) in merito alla presenza dei ratti all’interno dei locali adibiti a spogliatoio nell’ala vecchia del presidio ospedaliero cittadino. Una presenza certificata dalle fotografie giunte anche sulla scrivania del segretario del sindacato Nursind di Ancona. «Purtroppo non è uno spettacolo edificante. Ci erano giunte segnalazioni, nei mesi scorsi, relative alla presenza di scarafaggi e formiche in altre strutture ospedaliere regionali, ma mai di topi. Ô da tempo che i presidi ospedalieri sono abbandonati a loro stessi anche in termini di manutenzione e la mancata derattizzazione ne è certamente una conseguenz”», prosegue Elsa Frogioni.

“Alla direzione sanitaria dell’Area Vasta 2 chiediamo di intervenire immediatamente a Fabriano. Non solo interventi una tantum, ma con azioni periodiche”.

Potrebbe interessarti...