Pubblicità

Precari in attesa di stabilizzazioni, prestazioni aggiuntive per il Covid-19 e ferie estive: la Uil Fpl prepara azione a difesa di Infermieri, OSS e Professioni Sanitarie.

Riceviamo e pubblichiamo una nota della Uil Fpl dell’Ausl Romagna destinata a Infermieri, Infermieri Pediatrici, Ostetriche/i, OSS, Professioni Sanitarie e altre figure tecniche che attendono di essere stabilizzati, hanno fatto orari aggiuntivi durante la Pandemia Covid-19 e aspettato l’ok per le ferie estive.

“Mentre altre Organizzazioni Sindacali restano in silenzio e fanno solo propaganda attraverso false notizie, la UILFPL, nel tutelare seriamente le lavoratrici e i lavoratori tutti ha più volte richiesto e infine ottenuto l’impegno da parte dell’azienda Usl della Romagna ad definire, entro e non oltre il 15 di giugno, le modalità di pagamento delle POA a favore del personale tecnico (OSS e Autisti) e del personale del ruolo sanitario” – si legge nel comunicato.

“Sempre nel totale mutismo di altre Organizzazioni Sindacali, che restano in silenzio e fanno solo propaganda attraverso false notizie, la UILFPL ha richiesto e infine ottenuto l’impegno da parte dell’Azienda USL della Romagna, entro la fine di maggio, a discutere, definire e concludere il percorso di avvio delle stabilizzazioni del personale precario” – aggiunto dalla dirigenza Uil Fpl della Romagna.

“E sempre noi della UILFPL abbiamo evidenziato come ad oggi non ci sia nessuna notizia rispetto alla programmazione delle ferie estive, che, bloccate dai Decreti che si sono succeduti per la gestione dell’emergenza COVID – 19, si stanno accumulando e non vorremmo che, per molti Operatori, a causa di interpretazioni unilaterali dei DPCM, si traduca il tutto nel non poter usufruire del sacrosanto diritto delle ferie. Per finire abbiamo richiesto e infine ottenuto uno specifico incontro volto a chiarire e a superare ogni unilaterale interpretazione dei DPCM al fine di garantire al personale dipendente la normale programmazione e piena esigibilità delle prossime ferie estive” – concludono.