histats.com

Muore donna al PS di Imola. Protesta la FIALS: “si assumano Infermieri, Medici e OSS”.

Muore donna al PS di Imola. Protesta la FIALS: “si assumano Infermieri, Medici e OSS”.

Dopo la recente morte di una paziente al Pronto Soccorso di Imola è polemica in Emilia Romagna per la non assunzione di personale infermieristico, medico e di supporto. A scendere nuovamente in campo è la FIALS.

Il segretario provinciale di Bologna e il segretario aziendale della FIALS, Alfredo Sepe e Stefano De Pandis, protestano per la mancata assunzione di personale infermieristico presso l’ospedale “Santa Maria della Scaletta” di Imola. Lo fanno dopo la notizia della morte di una paziente di 57 anni in Pronto Soccorso. I due scrivono direttamente alla direzione generale dell’unità sanitaria locale e agli organi di informazione.

Ecco la missiva.

AL DIRETTORE GENERALE Dott.re Andrea Rossi

AGLI ORGANI DI STAMPA

AI DIPENDENTI AUSL IMOLA

OGGETTO: In merito agli ultimi eventi avvenuti in Pronto Soccorso – Decesso Sig.ra in sala d’attesa – Richiesta urgente di implemento del personale Infermieristico e di supporto dell’U.O. Pronto soccorso.

Gentili in indirizzo,

la scrivente Organizzazione Sindacale Autonoma, con la presente, a richiedere con urgenza l’implemento massivo di personale Infermieristico e Tecnico che opera presso il Pronto Soccorso del Santa Maria della Scaletta.
In merito allo spiacevole episodio verificatosi nei gironi scorsi dove, una donna di 57 anni e’ deceduta in sala d’attesa mentre attendeva il suo turno per circa due ore, secondo le ricostruzioni e le testimonianze in possesso del legale della famiglia, teniamo ad esprimere il nostro pieno cordoglio.

Diverse volte questa Organizzazione Sindacale ha evidenziato in piu’ sedi, la carenza del personale addetto all’assistenza e al monitoraggio dei molteplici utenti che si riversano in Pronto Soccorso, speranzosi di cure adeguate e tempestive; altissimi i carichi di lavoro e le situazioni di stress psico-fisico che gli operatori fronteggiano quotidianamente per sostenere turni asfissianti, continui i salti di riposo, numerose le ferie regresse ancora da smaltire mentre, sempre piu’ spesso si destreggiano in mezzo a pure aggressioni verbali e fisiche.

Tutto questo e’ insostenibile sia fisicamente che emotivamente, gli operatori sono allo stremo, mentre ci si accinge a fronteggiare l’ennesima “crisi” data dall’oramai noto “picco influenzale” con le solite tanto care e famose “isorisorse.”

Da sempre critici per gli interventi messi in atto da questa Amministrazione in termini di assunzioni (vedasi graduatoria concorsuale OSS ferma ed immobile da tempo), fortemente dissociati dalle politiche regionali messe in atto per ridurre le attese, non basta e non serve cambiare semplicemente il nome ai codici da assegnare passando da quelli a colori a quelli numerici, accreditando tempistiche ristrette entro le quali avviene un effettivo intervento sanitario per risolvere i problemi del Pronto Soccorso, da sempre sosteniamo che l’unica cura al problema sia la linfa: Infermieri, Medici e Operatori Socio Sanitari da assumere e formare adeguatamente, daltronde la politica della razionalizzazione delle risorse non ci ha mai visto, e mai ci vedra’, d’accordo e in linea, visto che il risparmio si riversa sempre e solo sul personale sanitario.

Prescindendo da eventuali responsabilita’ da attribuire, nel caso ce ne fossero, le numerose criticita’ ripetutamente segnalate, da questa Sigla Sindacale, a quanto pare non risultano superate ma bensi’ sottovalutate visto che e’ sempre l’operatore sanitario a farsi carico del rischio, vista la responsabilita’ enorme che gli piomba addosso in un clima di disorganizzazione e sfruttamento delle risorse umane di tutte le Unita’ Operative della AUSL di IMOLA.

Il tutto sopraevidenziato, per richiedere un intervento urgente con l’implemento cospicuo di personale Infermieristico e Tecnico per fronteggiare e governare al meglio le fasi di accoglienza, triage e monitoraggio ciclico degli utenti assegnatari di codici prioritari di intervento sanitario, con la massima e tempestiva efficacia ed efficienza.

Sicuri di un vostro celere intervento, si porgono cordiali saluti.

Stefano De Pandis – Segretario Territoriale FIALS Imola
Alfredo Sepe – Segretario Provinciale FIALS Bologna

Avatar

Redazione

Servizio Redazionale.

© 2019-2020 Tutti i diritti sono riservati ad AssoCareINFormazione.it.

© 2019 ACN | Assocarenews.it

Associazione di promozione culturale – In attesa di registrazione al Tribunale di Bologna.

Direttore: Angelo “Riky” Del Vecchio – Vice-Direttore: Marco Tapinassi

Incaricati di Redazione: Giulia De Francesco, Giovanni Maria Scupola, Ivan Santoro, Gioacchino Costa.

Per contatti: WhatsApp > 3805851500 – Cellulare 3489869425 Scrivici PEC

Redazione Emilia Romagna: Viale Spadolini, 13 – Ravenna – Codice Fiscale: 91022150394

Redazione Toscana: Via Girolamo Fracastoro, 27 Firenze – Codice Fiscale: 91022150394