histats.com
domenica, Marzo 3, 2024
HomeAmministrativiMedici, Infermieri, OSS e Professioni Sanitarie: si va in pensione con Quota...

Medici, Infermieri, OSS e Professioni Sanitarie: si va in pensione con Quota 46.

Pubblicità

Medici, Infermieri, OSS e Professioni Sanitarie andranno in pensione con Quota 46 per non perdere i diritti acquisiti. Addio a Quota 41?

Mentre il Governo Meloni promette Quota 41 nella legislatura, in realtà mette sul tavolo Quota 46 per Medici, Infermieri, Infermieri Pediatrici, Fisioterapisti, Ostetriche/o, OSS, Amministrativi e tecnici del SSN. Lo riferiscono i colleghi di QuiFinanza.it.

Se volessero eliminare la decurtazione prevista per una pensione anticipata (con 42 anni e 10 mesi di contributi per gli uomini, indipendentemente dall’età), dovrebbero lavorare ulteriori 36 mesi. Considerando le finestre di pensionamento, ciò comporterebbe effettivamente 46 anni di lavoro.

Tuttavia, questo ragionamento sembra trascurare l’età dei lavoratori coinvolti. Infatti, coloro che raggiungono i 67 anni di età e usufruiscono della pensione di vecchiaia non subiscono decurtazioni. Pertanto, solo coloro che hanno iniziato a versare contributi dopo i 21 anni di età si troverebbero a dover raggiungere la Quota 46.

Si può ipotizzare che non siano molti i medici e gli infermieri che hanno iniziato a lavorare così giovani. Quanti verranno colpiti La soluzione salomonica adottata da Palazzo Chigi difficilmente riceverà l’approvazione dei sindacati e della stessa categoria dei medici.

In primo luogo, poiché la richiesta era quella di eliminare completamente la norma, che invece rimane in vigore. In secondo luogo, la soluzione proposta sembra essere peggiore del problema iniziale.

Il taglio, nato come retroattivo e colpendo 732 mila lavoratori pubblici in vent’anni, garantendo al contempo 21 miliardi di risparmi allo Stato – tra cui dipendenti degli enti locali, medici, insegnanti, e ufficiali giudiziari che hanno iniziato a versare contributi tra il 1981 e il 1995 – sembra mostrare un profilo di incostituzionalità duplice, poiché viene ridotto solo per alcuni e non per tutti.

Le tre deroghe L’emendamento, approvato dalla Ragioneria e presentato giovedì notte in commissione Bilancio del Senato, prevede tre deroghe:

  1. La prima riguarda tutte e quattro le categorie di dipendenti interessati: coloro che soddisfano i requisiti per la pensione di vecchiaia e anticipata entro il 31 dicembre in corso sono esenti dal taglio.
  2. La seconda deroga, di natura strutturale e valida per tutti, esclude da ogni penalità coloro che raggiungono i 67 anni e accedono alla pensione di vecchiaia a partire dal 2024.
  3. La terza deroga riguarda la pensione anticipata a partire dal 2024, quella che si ottiene con 42 anni e 10 mesi di contributi (un anno in meno per le donne), indipendentemente dall’età anagrafica.

A quanto pare questa deroga si applica esclusivamente ai medici e agli infermieri. Per ogni mese di permanenza aggiuntiva al lavoro, il taglio viene ridotto di un trentaseiesimo. In pratica, con tre anni di lavoro aggiuntivo, il ricalcolo basato su coefficienti più penalizzanti (rispetto a quelli molto favorevoli del 1965) si annulla. Questo meccanismo non è disponibile per gli altri lavoratori pubblici coinvolti, che subiscono il taglio per intero: fino a tre anni di contributi persi, con una perdita di 3 mila euro netti all’anno, secondo i calcoli dell’Upb. La simulazione: quando un operatore sanitario andrà in pensione Ecco come un operatore sanitario potrebbe raggiungere la Quota 46. Supponiamo che un medico, l’anno prossimo, raggiunga i 42 anni e 10 mesi di servizio e decida di rimanere al lavoro per evitare di subire una riduzione fino al 25% della sua pensione. Se lavora altri tre anni per azzerare il taglio, raggiungerà un totale di 45 anni e 10 mesi di contributi. Successivamente, nel 2027, dovrà aggiungere sette mesi di finestra (o anche solo tre, se l’Inps riconosce la finestra del 2024 quando ha soddisfatto i requisiti canonici).

In questo modo, lasciando l’ospedale dopo aver lavorato 46 anni e 5 mesi, il sanitario avrà ottenuto la cosiddetta Quota 46.

Che succederà?

La situazione descritta riguarda il dibattito e le controversie riguardanti le riforme pensionistiche, in particolare per i medici e gli infermieri in Italia. Il governo aveva annunciato l’intenzione di introdurre la Quota 41 per consentire ai lavoratori del settore sanitario di andare in pensione anticipata. Tuttavia, la proposta attuale sembra prevedere requisiti più stringenti, portando effettivamente a una “Quota 46” per evitare tagli alle pensioni.

Retroattività dei tagli eliminati solo con Quota 46.

Le principali questioni sollevate includono la retroattività del taglio, che colpisce i lavoratori pubblici, tra cui medici e infermieri, e la percezione che la soluzione proposta possa essere più svantaggiosa rispetto al problema originale. Le deroghe proposte sembrano offrire alcune eccezioni, ma la complessità della normativa solleva preoccupazioni e critiche da parte dei sindacati e della categoria dei medici.

Strada obbligatoria per evitare tagli.

È importante notare che le normative previdenziali possono subire modifiche e che la situazione può variare nel tempo. I dettagli specifici delle deroghe e delle condizioni per evitare i tagli alle pensioni possono essere soggetti a ulteriori discussioni e negoziati. La simulazione fornita illustra un possibile percorso per evitare i tagli attraverso un’estensione del periodo lavorativo, ma la sua implementazione effettiva può dipendere da variabili specifiche e da futuri sviluppi normativi.

_________________________

Per il lettore:

  • Vi suggeriamo di seguire anche QuotidianoSanitario.it, il primo quotidiano sanitario interamente gestito dall’Intelligenza Artificiale: LINK
  • Per chi volesse commentare questo servizio può scrivere a redazione@assocarenews.it
  • Iscrivetevi al gruppo Telegram di AssoCareNews.it per non perdere mai nessuna informazione: LINK
  • Iscrivetevi alla Pagina Facebook di AssoCareNews.itLINK
  • Iscrivetevi al Gruppo Facebook di AssoCareNews.itLINK

Consigliati da AssoCareNews.it:

RELATED ARTICLES

Novità

© 2023-2024 Tutti i diritti sono riservati ad AUSER APS - San Marco in Lamis - Tra sanità, servizi socio sanitari e recupero della memoria - D'intesa con AssoCareINFormazione.it.

© 2023-2024 ACN | Assocarenews.it

Quotidiano Sanitario Nazionale – In attesa di registrazione al Tribunale di Foggia.

Direttore: Angelo “Riky” Del Vecchio – Vice-Direttore: Marco Tapinassi

Incaricati di Redazione: Andrea Ruscitto, Lorisa Katra, Luigi Ciavarella, Antonio Del Vecchio, Francesca Ricci, Arturo AI.

Per contatti: WhatsApp > 3474376756Scrivici

Per contatti: Cell. > 3489869425PEC

Redazione Centrale: AUSER APS - Via Amendola n. 77 - San Marco in Lamis (FG) – Codice Fiscale: 91022150394