Mario, Infermiere: “al Sud si sta bene, si lavora con meno stress e si ride di più”.

Basta. I Medici in un giorno guadagnano come gli Infermieri in 6 mesi!

Riceviamo e pubblichiamo la missiva di un collega Infermiere prossimo alla pensione che ci scrive ricordandoci che al Sud si lavora con meno stress.

Carissimo Direttore di AssoCareNews.it,

circa 20 anni fa decisi di abbandonare Torino e di ritornare nella mia Puglia. Da allora lavoro sempre nello stesso reparto, una unità di terapia intensiva cardiologica (UTIC). Leggo spesso quello che i colleghi scrivono sui social e anche se sono prossimo alla pensione cerco di capire cosa accade tra le nuove generazioni.

Ci sono troppi litigi in giro, che aggiungono ulteriore stress allo stress già in essere. La maggior parte delle volte, e non sono l’unico ad averlo notare, a scrivere sono Infermieri e OSS che lavorano nel centro Italia e in prevalenza al Nord. Questo deve farci riflettere sul fatto che al Sud probabilmente, nonostante le carenze, si lavora un po’ meglio. Forse perché è tutto è preso con meno frenesia e con i giusti tempi dell’assistenza. Forse perché qui al Meridione non esiste la parola “impossibile”. O forse semplicemente perché noi “terroni” abbiamo una parola di conforto e un sorriso sempre per tutti.

Basterebbe ridere un po’ di più, prenderci meno sul serio e iniziare a rispettare gli altri colleghi per eliminare tante forme di stress che poi si accumulano fino a diventare burnout.

Venite al Sud, venite a vedere come si lavora qua. Quando si parla della sanità del Meridione si pensa sempre ad imbrogli, a servizi che non funzionano, a concorsi che non si espletano, ma non è sempre così. Anzi non lo è quasi mai. Alla carenza di personale e di presidi al Sud si risponde sempre con un chiaro “rimbocchiamoci le maniche” e andiamo avanti senza se e senza ma.

Ripeto, ridete di più e postate di meno.

Mario C., Infermiere UTIC

* * *

Grazie Mario,

accetteremo il tuo consiglio, inizieremo a sorridere di più e a vivere meglio lo stress e le carenze. Grazie per il tuo contributo.

Angelo Riky Del Vecchio, Direttore quotidiano sanitario AssoCareNews.it

Potrebbe interessarti...