histats.com
venerdì, Marzo 1, 2024
HomeIn evidenzaLa sanità pubblica si ferma: sciopero e manifestazione di protesta a Bolzano.

La sanità pubblica si ferma: sciopero e manifestazione di protesta a Bolzano.

Pubblicità

Il 5 dicembre la sanità pubblica si ferma: sciopero di 24 ore e manifestazione di protesta delle nostre 2 province a Bolzano.

Le professioni sanitarie del Trentino Alto Adige unite in P.za Silvius Magnago dalle 14.30 alle 16.30

Nursing up ha proclamato uno sciopero nazionale di 24 ore per il giorno 5 dicembre, i professionisti infermieri e sanitari delle nostre province di Trento e Bolzano manifesteranno congiuntamente a Bolzano lo stesso giorno, in p.za S. Magnago dalle 14.30 alle 16.30.

Le iniziative di protesta riguarderanno tutti professionisti sanitari della sanità pubblica, comparto e dirigenza medica, infatti anche i sindacati medici Cimo-Fesmed ed AnaaoAssomed scioperano e manifesteranno con noi.

Il governo nazionale appare sempre più in uno stato confusionale, le Province di Trento e Bolzano sono al palo ed in stallo per dinamiche politiche interne, la sanità pubblica è ormai in una crisi che appare irreversibile, è giunto il tempo che la politica si assuma le proprie responsabilità, nei confronti dei professionisti sanitari e dei cittadini, la salute è un diritto universale e costituzionale che deve essere tutelato.

La nostra voce è inascoltata ed ora la parola passerà alla piazza, alla protesta dei nostri professionisti infermieri e sanitari, stanchi, vessati e dimenticati dalle istituzioni dopo essere stati considerati eroi durante la pandemia, diciamo basta alle medaglie di cartone! Ora scenderanno in campo a difesa della sanità pubblica, a difesa della sicurezza e della qualità delle cure, a difesa del loro benessere lavorativo e familiare sempre più compromesso.

Assistiamo quotidianamente a fenomeni di migrazione sanitaria, aumento della spesa privata, allungamento dei tempi di attesa, pronti soccorsi super affollati, non è questa la sanità che vogliamo.

È giunto il tempo di riconoscere le nostre competenze e responsabilità, che derivano da una formazione universitaria sempre più elevata ed evoluta, la politica si deve prendere cura del nostro disagio, così come noi ci prendiamo cura dei nostri pazienti, lavorando in condizioni di grande difficoltà, con enormi carichi di lavoro e inadeguato recupero psico-fisico.

Ora occorre un grande investimento economico a livello nazionale e provinciale per rendere attrattive le nostre professioni, altrimenti continuerà la fuga dei nostri colleghi all’estero ed i servizi pubblici decadranno sempre più, siamo al terz’ultimo posto in Europa come retribuzione e con scarse possibilità di percorsi di carriera.

Le nostre richieste sono state presentate a livello nazionale ed a livello delle singole province di Trento e Bolzano, che sono abilitate ad una contrattazione autonoma primaria a livello provinciale e quindi, non solo dovranno recepire i miglioramenti che possono derivare dalla contrattazione nazionale, ma possono agire in autonomia con fondi e specifiche direttive contrattuali.

Al governo nazionale abbiamo chiesto:

-stralcio della norma che taglia le pensioni e peggiora l’opzione donna per le nostre professioniste

– riconoscimento delle nostre professioni come lavoro usurante

-valorizzazione giuridico-economica dei nostri professionisti infermieri e sanitari (aumento di tutte le indennità)

-raddoppio della tariffa oraria per le prestazioni aggiuntive

-tutela del benessere psicofisico, contro le aggressioni in servizio e la violenza di genere

Alla Giunta Provinciale di Trento abbiamo chiesto:

 

– aumento incentivo per rientri in servizio

 

– Indennità di confine per arginare la fuga dei professionisti sanitari

 

– Ulteriori risorse economiche per il contratto della sanità

 

– Indennità di esclusività per tutti i professionisti sanitari che non fanno libera professione extra moenia

 

-aggiornamento professionale in orario di servizio ed a carico dell’azienda

 

-la revisione delle dotazioni organiche, oggi inadeguate

 

La salute è un bene comune e i professionisti sanitari non possono essere lasciati soli a preservarla, questo è un problema di tutti i cittadini, che deve essere affrontato e risolto dalla politica.

Cesare Hoffer- Coordinatore Nursing up Provincia Trento

RELATED ARTICLES

Novità

© 2023-2024 Tutti i diritti sono riservati ad AUSER APS - San Marco in Lamis - Tra sanità, servizi socio sanitari e recupero della memoria - D'intesa con AssoCareINFormazione.it.

© 2023-2024 ACN | Assocarenews.it

Quotidiano Sanitario Nazionale – In attesa di registrazione al Tribunale di Foggia.

Direttore: Angelo “Riky” Del Vecchio – Vice-Direttore: Marco Tapinassi

Incaricati di Redazione: Andrea Ruscitto, Lorisa Katra, Luigi Ciavarella, Antonio Del Vecchio, Francesca Ricci, Arturo AI.

Per contatti: WhatsApp > 3474376756Scrivici

Per contatti: Cell. > 3489869425PEC

Redazione Centrale: AUSER APS - Via Amendola n. 77 - San Marco in Lamis (FG) – Codice Fiscale: 91022150394