histats.com
giovedì, Febbraio 29, 2024
HomeInfermieriInfermiere vince causa per Demansionamento: ecco sentenza. Avrà 70000 euro.

Infermiere vince causa per Demansionamento: ecco sentenza. Avrà 70000 euro.

Pubblicità

Ad emanarla il tribunale del lavoro di Roma. Condannata la clinica “Gemelli”. Cambia la storia della professione.

Il giudice Antonio Maria Luna della prima sessione lavoro del Tribunale di Roma ha condannato il Policlinico “Gemelli” di Roma per Demansionamento nei confronti di un Infermiere. Si tratta di Daniele Mori, iscritto all’OPI del capoluogo laziale.

La sentenza sul Demansionamento di Daniele Mori: link

Nessun commento in merito è giunto dal Gemelli e dall’Ordine delle Professioni Infermieristiche di Roma.

Esulta al contrario l’Associazione AADI che avoca a se la vittoria che, ripetiamola, riguarda solo la decisione di un Giudice del lavoro e in prima istanza. Seguiranno probabilmente altri gradi di giudizio e solo la Cassazione metterà fine alla questione.

L’Infermiere era stato costretto ad eseguire mansioni proprie dell’Operatore Socio Sanitario. Di qui la causa e la condanna del Gemelli in prima battuta.

L’AADI, associazione infermieristica diretta da Mauro Di Fresco (che non è un Infermiere abilitato, non essendo iscritto a nessun Ordine infermieristico), ne approfitta per prendersela con la presidente Barbara Mangiacavalli e con la FNOPI, accusati di tutti i mali della professione.

Ad oggi da parte della Federazione nazionale degli infermieri non è giunta alcuna replica, ma probabilmente sono in essere azioni volte a difendere l’immagine dell’Ente e di tutti i professionisti Infermieri ad esso iscritti.

Ecco qui di seguito la sentenza, inviataci dalla stesso Di Fresco. Da notare che l’AADI non è mai citata dal giudice: “Certo perché la sentenza fa riferimento all infermiere che fa la causa mica all organizzazione che l’ha difeso; allora se io vado al Caf a chiedere la pensione mica la sentenza da la pensione al Caf”.

A difendere Daniele Mori il legale Italo Crispino di Battipaglia.

Inutile dire che la sentenza è storica e che se riconfermata in Cassazione potrebbe cambiare la storia della professione infermieristica moderna. Finalmente stop ai soprusi e alle attribuzioni impropria di incarichi e ordini.

RELATED ARTICLES

Novità

© 2023-2024 Tutti i diritti sono riservati ad AUSER APS - San Marco in Lamis - Tra sanità, servizi socio sanitari e recupero della memoria - D'intesa con AssoCareINFormazione.it.

© 2023-2024 ACN | Assocarenews.it

Quotidiano Sanitario Nazionale – In attesa di registrazione al Tribunale di Foggia.

Direttore: Angelo “Riky” Del Vecchio – Vice-Direttore: Marco Tapinassi

Incaricati di Redazione: Andrea Ruscitto, Lorisa Katra, Luigi Ciavarella, Antonio Del Vecchio, Francesca Ricci, Arturo AI.

Per contatti: WhatsApp > 3474376756Scrivici

Per contatti: Cell. > 3489869425PEC

Redazione Centrale: AUSER APS - Via Amendola n. 77 - San Marco in Lamis (FG) – Codice Fiscale: 91022150394