Cambi alla pari: Infermieri, Oss e Professionisti Sanitari ecco come non sbagliare.

Cos'è la Sindrome da Burnout e perché tanti colleghi ne soffrono?

🔴 Cambi alla pari per Infermieri, Oss e Professionisti Sanitari. Non è sempre facile trovare chi viene al nostro posto di lavoro e soprattutto l’azienda sanitaria che ci accoglie o ci lascia andare.

Il posto pubblico a qualsiasi costo. Ma se l’intento è quello di accettare un posto lontano da casa per avvicinarsi in un secondo momento, potreste rimanere molto delusi: trovare cambi alla pari può rivelarsi una vera Odissea! Infermieri, OSS e Professionisti Sanitari non scoraggiatevi, tutto e possibile, bastano solo pochi accorgimenti.

I concorsi pubblici del centro-nord fanno gola a migliai di infermieri italiani che ogni singolo bando decidono di iscriversi, del resto un posto a tempo indeterminato nel settore pubblico è oggettivamente un valido motivo per decidere di spostarsi di Regione.

La crisi del lavoro e le condizioni non sempre incoraggianti del settore privato spingono a decidere di “provare” anche concorsi per Aziende geograficamente sfavorevoli rispetto alla nostra provincia di partenza.

Alcuni, inevitabilmente, vincono il concorso ed al momento di essere assunti scoprono che quel che era un concorso fatto per mettere alla prova la fortuna diventa un’offerta a cui pare impossibile dire di no. Ed allora accettano, con l’intenzione di avvicinarsi o spostarsi subito dopo il periodo di prova.

Il cambio alla pari è il metodo più veloce per cambiare Azienda in cui si lavora: consiste nel trovare un pari ruolo che abbia volontà di scambiarsi con te. La procedura burocratica è molto più snella della mobilità e registra un benestare generale da parte delle organizzazioni aziendali.

Facile, no?

Non sempre, purtroppo. Perchè le realtà a cui assistiamo sono due: da un lato esistono Aziende molto ambite, per posizione geografica, per notorietà, per cosa offre vivere in quella determinata città.

L’altra faccia della medaglia mostra realtà da cui è difficile uscire, per assenza di persone con volontà di cambio.

“Subito dopo i 6 mesi di prova ho subito cercato un cambio alla pari” ci spiega Laura, infermiera che vuole tornare verso la Toscana. “Lavoro in Veneto, una regione in cui si fanno tanti concorsi e con regolarità. Questo porta i Veneti a trovare impiego nella loro stessa Regione entro pochi anni dalla laurea, non disperdendosi nel resto d’Italia. Trovare quindi persone che vogliono salire dal centro Italia è quasi impossibile. Sono 7-8 mesi che ogni settimana pubblico annunci su Facebook ma non riesco mai a concludere i cambi”.

Proprio sui social networks si fonda la maggior parte delle ricerche di cambio alla pari, tramite la pubblicazione di annunci.

Claudio è amministratore di uno dei maggiori gruppi social di Oss ed anche lui è riuscito a beneficiarne: “Il gruppo nasce con l’idea di trovare una piazza comune dove parlare di tutto. Autorizzo sempre i post di richiesta cambio perchè è giusto dare opportunità a questi colleghi di essere facilitati ed i social sono un ottimo mezzo per mettere in comunicazione le persone: nascono per quello del resto! Noto però con dispiacere che molto spesso sono gli stessi a pubblicare, anche per mesi, anche tutte le settimane. Anche io nel 2016 sono riuscito a spostarmi in Umbria dal Piemonte, grazie ad un annuncio. Da alcune regioni è difficile uscire.”

Potrebbe interessarti...