Pubblicità

Infermiere arrestato per truffa aggravata ai danni del sistema sanitario regionale.

Arrestato infermiere assieme ad altri quattro, destinatari di una misura cautelare emessa dal gip di Palermo: con lo stesso provvedimento il gip ha anche sequestrato la Onlus Cuore Giovane, che svolge il servizio di trasporto emodializzati per contro dell’Azienda sanitaria provinciale e il servizio di emergenza-urgenza 118 per contro della Seus.

Quattro persone sono finite ai domiciliari: i coniugi Giuseppe Sammartino e Maria Lunetta, di 53 e 42 anni; Gaspare Consiglio, 47 anni; Calogero Alaimo, infermiere dell’Asp di Caltanissetta, di 58 anni.

Per un quinto indagato è stato disposto l’obbligo di dimora nel comune di residenza: si tratta di Gennaro D’Errigo, dipendente della Seus di 50 anni. Sotto sequestro una cifra di oltre un milione di euro, ritenuta profitto del reato contestato.

L’indagine è stata denominata ‘Trasporti pericolosi’. Secondo le fiamme gialle la Cuore Giovane, con sede a Monreale, dietro l’immagine di una organizzazione non di lucro ma di attività sociale, “celava invece un’autentica attività d’impresa.

Queste le dichiarazioni della GdF di Palermo: “L’associazione è stata gestita con scopo di lucro, perseguendo gli interessi provati degli amministratori, in contrasto con le norme del cosiddetto ‘terzo settore'”.

Per l’accusa, inoltre, la Onlus avrebbe elargito veri e propri stipendi camuffandoli come dei rimborsi a volontari. Nella fase di stipula e rinnovo delle convenzioni con l’Asp, inoltre, gli indagati avrebbero prodotto falsi attestati relativi alla partecipazione di autisti, soccorritori e barellieri a corsi di ‘Basic life support and defibrillation’ (Blsd), formalmente rilasciati da associazioni abilitate ma in realtà auto-procurati con la complicità di Alaimo, dipendente dell’Asp di Caltanissetta con la qualifica di infermiere e D’Errigo, dipendente della Seus.

Grazie a quelle attestazioni la Cuore Giovane Onlus ha stipulato convenzioni pubbliche “frodando gli stessi enti che le avevano affidato servizi e ottenendo ingenti fondi pubblici a fronte di servizi resi in assenza dei requisiti richiesti”.

La Onlus ora sarà affidata a un custode giudiziario.

Fonte: Dire.itAssoCareNews.it