histats.com
mercoledì, Maggio 22, 2024
HomePrimo PianoCronacaIl Tar dà ragione a Medicina Democratica!

Il Tar dà ragione a Medicina Democratica!

Pubblicità

Il Tar Lombardia dà ragione a “Medicina Democratica” nel ricorso contro “Multimedica”: l’ospedale privato, accreditato con il SSN, dovrà consentire l’accesso pubblico generalizzato ai documenti richiesti e che aveva negato, nello specifico riguardanti la premialità agli operatori del call center che convincevano i pazienti a spostarsi dall’agenda pubblica a quella privata.

“Il Tribunale Amministrativo Regionale della Lombardia, con sentenza 27.04.2024, N° 00321/2023, ha ritenuto fondati i motivi di ricorso di Medicina Democratica nei confronti di Multimedica, confermando il diritto al pieno accesso agli atti nei confronti di un soggetto accreditato che svolge un pubblico servizio”, ha dichiarato Marco Caldiroli, presidente nazionale di Medicina Democratica. ”

Si tratta di una vittoria per la trasparenza

in particolare nel settore della sanità, negato dalle strutture private ma anche dalla Regione Lombardia, che non si è mai premurata di definire obblighi rigorosi sul tema.”

La vicenda

come è noto, era emersa durante la puntata del 2 dicembre dello scorso anno della trasmissione “37e2”, condotta da Vittorio Agnoletto su Radio Popolare: “Grazie a una coraggiosa lavoratrice – ha ricordato Agnoletto- avevamo reso pubblica la decisione di Multimedica di introdurre una “premialità” economica per gli addetti al call center ogni volta che i pazienti accettavano di spostarsi dall’agenda pubblica, dove si paga solo il ticket o addirittura l’accesso è gratuito, a quella privata.

Una pratica che spiega anche perché

non sia stato ancora attivato un vero centro unico di prenotazione che abbia a disposizione tutte le agende sia delle strutture pubbliche e sia di quelle private convenzionate ”.

Uno sconcertante gioco al rubapaziente

contro cui Medicina Democratica aveva presentato ricorso al TAR il 17 febbraio scorso, con la preziosa consulenza degli avvocati Francesco Trebeschi e Federico Randazzo di Brescia: obiettivo era fermare questa vergognosa procedura e salvaguardare il diritto alla trasparenza e il diritto alla salute.

La richiesta

era l’accesso pubblico agli atti, negato da Multimedica per lo specifico Modello organizzativo previsto dal Dlgs 231/2001 aggiornato, con la motivazione che riguardava “l’organizzazione interna di un soggetto di natura privata”, contenente “anche valutazioni economiche e commerciali che ne giustificano la non divulgazione”, Motivazione che per il TAR non sussiste!

Con questa sentenza del TAR si volta pagina

e si fa giurisprudenza non solo in sanità o nel caso specifico di Multimedica, che aveva consentito un accesso parziale agli atti, negando proprio quelli relativi alla premialità: “La sentenza- ha aggiunto Caldiroli- stabilisce che un ente privato accreditato ha i medesimi obblighi di trasparenza delle strutture pubbliche.

Ora sarà più facile

come sottolinea Agnoletto- svelare i trucchi da loro usati e inchiodare la giunta regionale alle proprie responsabilità.

I cittadini e gli utenti

lombardi hanno diritto di conoscere le modalità e gli accordi attraverso i quali il gruppo sanitario Multimedica, con il meccanismo delle premialità economiche concesse ai propri operatori, ha cercato di massimizzare i profitti: l’obiettivo infatti è spingere gli utenti ad abbandonare il servizio sanitario pubblico per rivolgersi alle loro strutture private”.

La sanità privata

ha concluso Marco Caldiroli- approfitta economicamente del suo ruolo di servizio pubblico ma non vuole gli oneri e i doveri che hanno gli enti pubblici. Solo un giudice può restituire ai cittadini il diritto di conoscere le regole e gli interessi economici nascosti di tutti coloro che svolgono un servizio pubblico come la sanità convenzionata.

_________________________

AVVISO!

  • Per chi volesse commentare questo servizio può scrivere a redazione@assocarenews.it
  • Iscrivetevi al gruppo Telegram di AssoCareNews.it per non perdere mai nessuna informazione: LINK
  • Iscrivetevi alla Pagina Facebook di AssoCareNews.itLINK
  • Iscrivetevi al Gruppo Facebook di AssoCareNews.itLINK

Consigliati da AssoCareNews.it:

RELATED ARTICLES

Novità

© 2023-2024 Tutti i diritti sono riservati ad AUSER APS - San Marco in Lamis - Tra sanità, servizi socio sanitari e recupero della memoria - D'intesa con AssoCareINFormazione.it.

© 2023-2024 ACN | Assocarenews.it

Quotidiano Sanitario Nazionale – In attesa di registrazione al Tribunale di Foggia.

Direttore: Angelo “Riky” Del Vecchio – Vice-Direttore: Marco Tapinassi

Incaricati di Redazione: Andrea Ruscitto, Lorisa Katra, Luigi Ciavarella, Antonio Del Vecchio, Francesca Ricci, Arturo AI.

Per contatti: WhatsApp > 3474376756Scrivici

Per contatti: Cell. > 3489869425PEC

Redazione Centrale: AUSER APS - Via Amendola n. 77 - San Marco in Lamis (FG) – Codice Fiscale: 91022150394