Senza gli Infermieri il servizio 118 cessa di esistere a grave danno della salute dei Cittadini: parola di OPI Toscana.
Senza gli Infermieri il servizio 118 cessa di esistere a grave danno della salute dei Cittadini: parola di OPI Toscana.
Pubblicità

L’arresto cardiaco improvviso è una delle patologie che può portare alla morte immediata. Un 56enne di Cremona si è schiantato in auto dopo un malore improvviso ed è deceduto. Feriti tutti gli altri passeggeri.

Stava tornando a casa insieme alla sua famiglia quando è stato colto da un improvviso malore. Massimo Zanardelli, 56enne di Cremona, ha perso la vita mentre guidava nella notte tra sabato 12 e domenica 13 ottobre lungo la strada provinciale 103, al confine tra la provincia di Brescia e di Cremona. Quando si è sentito male, ha perso il controllo e l’auto è finita fuori strada. La moglie e i figli sono rimasti feriti in maniera lieve. E’ quanto riferisce Notizie.it.

Per saperne di più sull’arresto cardiaco improvviso e su come intervenire.

Arresto Cardiaco Improvviso (ACI) ed RCP: conoscete i 5 anelli della sopravvivenza?

La morte del conducente.

Nella notte tra sabato 12 e domenica 13 ottobre lungo la strada provinciale 103, tra Gambara e Ostiano, due comuni al confine tra la provincia di Brescia e il Cremonese, si è verificato un grave incidente. Poco prima delle 23 Massimo Zanardelli, 56enne di Cremona, ha avuto un malore mentre stava tornando a casa in auto insieme alla famiglia e a degli amici, dopo aver cenato in un ristorante di Pontevico.

Nulla hanno potuto fare per lui Medici e Infermieri dell’emergenza intervenuti immediatamente dopo l’allerta. Messi in salvo la famiglia, tra contusi e feriti lievi.

Il malore improvviso, tipico dell’arresto cardiaco.

L’uomo si è accasciato sul volante e l’auto ha sbandato, finendo fuori strada. Sul posto sono intervenuti i Carabinieri di Gambara e Verolanuova e i Vigili del Fuoco. Inoltre la centrale operativa del 112 ha mandato due ambulanze e l’automedica. I sanitari del 118 giunti sul posto hanno tentato di rianimare il 56enne, ma non hanno potuto fare altro che constatarne il decesso. Insieme a lui, a bordo della macchina si trovavano la moglie del conducente, una coppia di amici e il figlio di 10 anni, che sono rimasti feriti in maniera lieve. Sono stati trasferiti all’ospedale di Cremona per degli accertamenti: sono già stati dimessi e ora stanno bene.

Fonte: Notizie.itAssoCareNews.it