Buscopan: indicazioni, dosi, effetti della butiscopolamina

Buscopan: effetti, gravidanza e dosaggi
Buscopan: effetti, gravidanza e dosaggi

Buscopan

Buscopan è un farmaco a base di N-butilbromuro di joscina (butilscopolamina). Il principio attivo è di origine vegetale, estratto dalla pianta Duboisia. Appartiene al gruppo terapeutico degli spasmolitici.

Il buscopan è indicato nel trattamento delle manifestazioni dolorose dovute a spasmi e crampi del tratto gastro-intestinale e genito-urinario.

Meccanismo d’azione

Buscopan somministrato per via orale o per via rettale viene assorbito in minima parte, tanto che la sua biodisponibilità sistemica si attesta intorno all’1%.

Tuttavia, questo farmaco tende a concentrarsi prevalentemente nei distretti anatomici in cui esercita la propria azione terapeutica (tratto gastrointestinale, cistifellea, dotto epatobiliare, fegato e rene).

Il buscopan somministrato alle dosi previste, non attraversa la barriera ematoencefalica, limitando gli effetti collaterali associati agli anticolinergici, e viene per lo più escreto a livello renale.

L’azione sintomatica del buscopan si esplica attraverso l’azione competitiva nei confronti dell’acetilcolina sui recettori muscarinici della muscolatura liscia del tratto gastro-intestinale, responsabili dell’eccitazione e della contrazione muscolare.

 Avvertenze:

L’utilizzo di anticolinergici, quindi del Buscopan dev’essere effettuato con prudenza negli anziani, nei pazienti con turbe del sistema nervoso autonomo, nelle tachiaritmie cardiache, nell’ipertensione arteriosa, nell’insufficienza cardiaca congestizia, nell’ipertiroidismo e nei portatori di affezioni epatiche e renali. 
In generale, gli anticolinergici possono interferire con le normali capacità di guida e di concentrazione. Evitare di masticare il Buscopan.

Gravidanza e allattamento:

Nonostante non si siano manifestati effetti tossici durante la gravidanza e l’allattamento, né effetti teratogeni od embriotossici su cavie animali, sarebbe opportuno consultare il proprio medico prima di intraprendere l’assunzione del Buscopan in gravidanza, in particolare nel primo trimestre.

Buscopan può interferire con:

  • Antidepressivi triciclici: accentuandone l’effetto.
  • Antagonisti della dopamina:riducendo gli effetti di entrambi i farmaci.
  • Beta-adrenergici: potenziando l’effetto tachicardico.

Si consiglia di non assumere antiacidi ed alcooldurante il trattamento, al fine di evitare delle alterazioni del metabolismo del Buscopan

Controindicazioni:

Buscopan è controindicato in caso di ipersensibilità ad uno dei suoi componenti o metaboliti, glaucoma ad angolo acuto, ipertrofia prostatica o altre cause di ritenzione urinaria, stenosi pilorica ed altre condizioni stenosanti il canale gastroenterico, ileo paralitico, colite ulcerosa, megacolon, esofagite da reflusso, atonia intestinale dell’anziano e dei soggetti debilitati, miastenia grave e nei bambini di età inferiore ai 6 anni.

Effetti indesiderati

Dosi terapeutiche di Buscopan possono determinare secchezza delle fauci, alterazione della sudorazione, alterazioni del tono oculare, difficoltà di minzione e sonnolenza..
Alte dosi di Buscopan possono essere associate anche a comparsa di tachicardia ed alterazioni della funzione cardiorespiratoria e delle capacità cognitive.

Eruzioni cutanee di vario genere possono essere associate ad ipersensibilità verso uno dei suoi componenti.

Potrebbe interessarti...