Nessun aumento stipendiale: Corte dei Conti approva Contratto con 67 euro lordi

La Corte dei Conti approva, avremo 67 euro lordi in più!
La Corte dei Conti approva, avremo 67 euro lordi in più!
La Corte dei Conti dà il via livera alla proposta di rinnovo del Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro (CCNL) per la Sanità e per le Funzioni Locali. Infermieri, Oss, Professionisti Sanitari, Tecnici e Amministrativi percepiranno una media di 67 euro lordi (e non 85 come erroneamente si è detto finora) in più sullo stipendio e un arretrato di circa 500 euro. Addio ai sogni di vedere gli stipendi lievitare fino a 2000 euro al mese! Sulla questione si registra l’intervento entusiastico del Segretario Generale della CISL FP, Maurizio Petruccioni, che parla di “risposte concrete per tutti gli operatori del settore”. Ora toccherà all’Aran ratificare il tutto in maniera definitiva. Giudicano positiva la decisione della Corte dei Conti anche gli altri due sindacati confederali, ovvero CISL e UIL. Tiepiti i riscontri da parte della FIALS, di Nursind, Nursing Up e FSI – USAE.
 
“Con il via libera della Corte dei Conti finalmente ci avviamo alla chiusura dei contratti nel pubblico impiego, una firma attesa da 9 lunghi anni – spiega Petruccioli della Cisl FP, riferendosi alla certificazione, da parte della Corte dei Conti, ai CCNL Sanità Pubblica e Funzioni Locali.
 
“Dopo un blocco della contrattazione che ha aggravato la perdita di potere d’acquisto dei salari delle lavoratrici e dei lavoratori nel periodo più duro della crisi economica, date le risorse disponibili, abbiamo scelto di lavorare affinché l’aumento fosse interamente al tabellare, dando una risposta in primo luogo economica ai bisogni di tutti gli operatori del settore”, prosegue.
“Attendiamo ora l’immediata convocazione dell’Aran per la chiusura definitiva dei contratti, al fine di erogare gli arretrati, gli aumenti concordati e di avviare celermente l’avvio dei lavori delle commissioni paritetiche per la revisione della classificazione del personale” – conclude il sindacalista CISL.
 
Alla fine gli scioperi sono serviti a poco e il Governo Gentiloni con il ministro uscente Madia l’hanno puntata ai danni dei lavoratori che dopo 9 anni di attesa riceveranno solo briciole. 
 
Come riferivamo in un precedente servizio spiegavamo che agli Infermieri e a tutti le altre figure professionali e tecniche ricadenti nel CCNL appena approvato dalla Corte dei Conti spettavano ben 13.000 euro di arretrati. Soldi che non vedranno mai. 

Potrebbe interessarti...