histats.com
sabato, Ottobre 1, 2022
HomeIn evidenzaSanità Toscana al collasso. FIALS: Infermieri, OSS e Professionisti Sanitari sottoposti a...

Sanità Toscana al collasso. FIALS: Infermieri, OSS e Professionisti Sanitari sottoposti a carichi insopportabili.

Pubblicità

Sanità Toscana al collasso. FIALS: Infermieri, OSS e Professionisti Sanitari sottoposti a carichi insopportabili.

Sanità Toscana al collasso, il sindacato FIALS duro in questo comunicato che riceviamo e pubblichiamo.

“La Sanità Toscana è al collasso.

Le situazioni critiche e drammatiche per i cittadini che si registrano nei Pronto Soccorso , nelle varie U.O. degli Ospedali, nelle attività territoriali sono la più significativa rappresentazione di incapacità di programmazione e gestione.

I lavoratori sono sottoposti ad insopportabili carichi di lavoro che determinano stress e potenziali esposizioni a rischi nell’esercizio delle proprie funzioni.

Il FIALS dice basta a questa situazione.

Ai cittadini deve essere garantito il diritto alla salute ed ai lavoratori debbono essere garantiti i diritti fondamentali al riposo giornaliero e settimanale, alle ferie ecc. per la finalità primaria della tutela della loro condizione psico/fisica e per operare in sicurezza.

La Regione Toscana con le dichiarazioni trionfalistiche del Presidente Giani afferma di avere reclutato un grande numero di operatori sanitari; il più alto tra tutte le Regioni, senza peraltro, niente dimostrare in merito. CGIL-CISL-UIL hanno sottoscritto in Firenze un Accordo con la Giunta Regionale che condivide tale posizione e pertanto accettano di fatto di non procedere alle necessarie assunzioni salvo poi ipocritamente lamentarsi a livello delle varie USL e Aziende Toscane per la carenza di personale.

Il solito e logoro discorso che l’impossibilità di assumere deriva dalla mancanza di risorse non è più accettabile. Prima di tutto per la necessaria comprensione e trasparenza occorre che la Giunta Regionale e l’Assessore al Diritto alla Salute informino in dettaglio come sono stati spesi i finanziamenti ricevuti dalla U.E. e dallo Stato Centrale per il potenziamento della sanità in strutture e personale.

Le difficoltà ed i disagi sono diffusi in tutte le USL Toscane. Per questa ragione il Sindacato FIALS si appresta ad intraprendere iniziative di lotta in tutte Aziende Sanitarie dopo avere proclamato lo stato di agitazione ed espletato senza successo i tentativi di conciliazione in sede Prefettizia.

In questo contesto occorre evidenziare le responsabilità delle varie Direzioni Aziendali che si sono dimostrate incapaci di programmare e gestire la fase di ripresa del COVID; in proposito: non sono stati adottati piani dei fabbisogni di personale adeguati in funzione dei nuovi assetti organizzativi, come le bolle COVID ritagliate nelle U.O ( delle quali abbiamo chiesto l’abolizione), dell’aumento delle prestazioni per l’abbattimento delle liste di attesa, della stabilizzazione del personale precario.

Il FIALS ritiene improponibile il dilatarsi dello straordinario e il ricorso alle prestazioni aggiuntive utilizzate in quantità “industriali” e spesso impropriamente per coprire i turni di servizio.

Chiederemo ai Sindaci e ai capogruppo dei Consigli Comunali, nell’ambito del loro ruolo istituzionale e per l’esercizio delle competenze previste dalla legislazione regionale, di intervenire a sostegno delle rivendicazioni FIALS per la tutela dei diritti delle popolazioni rappresentate e per la tutela dei diritti dei lavoratori della sanità che sono la risorsa più importante del Servizio Sanitario; in base a fatti e situazioni specifiche proporremo azioni nei confronti delle Direzioni Aziendali non escludendo la richiesta della loro rimozione.

Dr. Massimo Ferrucci
Segretario Regionale FIALS“.

Comitato di Redazione
Servizio Redazionale.
RELATED ARTICLES

Novità

© 2021 Tutti i diritti sono riservati ad AssoCareINFormazione.it.

© 2021 ACN | Assocarenews.it

Associazione di promozione culturale – In attesa di registrazione al Tribunale di Foggia.

Direttore: Angelo “Riky” Del Vecchio – Vice-Direttore: Marco Tapinassi

Incaricati di Redazione: Felice La Riccia, Lorisa Katra, Michela Ciavarella, Michelarcangelo Orlando, Francesca Ricci, Gioacchino Costa.

Per contatti: WhatsApp > 3805851500 – Cellulare 3489869425 Scrivici

Redazione Puglia: Via Renato Guttuso, 4 – Rignano Garganico (FG) – Codice Fiscale: 91022150394

Redazione Toscana: Via Girolamo Fracastoro, 27 Firenze – Codice Fiscale: 91022150394