governo renzi italia viva
Pubblicità

Matteo Renzi tira un calcio nel sedere a Giuseppe Conte e dà il via ufficiale alla crisi di Governo. La maggioranza sarà sostenuta dal resuscitato Clemente Mastella.

Pronto un Governo di “responsabili“, lo sosterrà il redivivo Clemente Mastella. Ad annunciarlo in diretta TV lo stesso sindaco campano ed ex-leader dello scomparso UDEUR. Matteo Renzi ritira i ministri e i sottosegretari di Italia Viva e dice addio a Giuseppe Conte. Lo strappo ormai è definitivo.

Poco fa in conferenza stampa Renzi ha dichiarato: «La democrazia ha delle forme e se le forme non vengono rispettate, allora qualcuno deve avere il coraggio anche per gli altri per dire che il Re è nudo». Lo ha detto Matteo Renzi in conferenza stampa.

«Le questioni poste al presidente del consiglio sono tre. La prima di metodo», ha aggiunto: «Quelli che ora ci fanno la morale erano per andare alle elezioni e consegnare il paese alla destra populista. Non consentiremo a nessuno di avere pieni poteri. Questo significa che l’abitudine di governare con i decreti legge che si trasformano in altri decreti legge, l’utilizzo dei messaggi a reti unificate e la spettacolarizzazione della liberazione dei nostri connazionali rappresentano per noi un vulnus alle regole del gioco. Chiediamo di rispettare le regole democratiche».

Renzi ritira i suoi Ministri ed il Sottosegretario.

Renzi ritira le sue ministre dal governo. Lo ha annunciato in apertura della conferenza stampa di Italia Viva. Oltre a Teresa Bellanova e Elena Bonetti lascia il governo anche il sottosegretario Ivan Scalfarotto.

«La crisi è aperta da mesi, serve rispetto per le regole democratiche: abbiamo chiesto di risolvere problemi, non un reality show» ha detto l’ex premier toscano.

Renzi ha rivendicato di aver fatto nascere il governo Conte 2 per non consegnare i «pieni poteri» a Matteo Salvini.

«Quindi non consentiremo a nessuno di avere pieni poteri» ha concluso con evidente riferimento al Conte 2.

1 COMMENT

Comments are closed.