Quel sindacalista diffama la FIALS: scatta denuncia a Bologna per diffamazione aggravata

Quel sindacalista diffama la FIALS: scatta denuncia a Bologna per diffamazione aggravata.
Quel sindacalista diffama la FIALS: scatta denuncia a Bologna per diffamazione aggravata.

La querela a seguito di alcuni post pubblicati su Facebook

La segreteria provinciale della FIALS di Bologna non ci sta alle accuse che girano su alcuni profili e alcune pagine Facebook di neo-esponenti del sindacato FSI – Usae e cerca di fare chiarezza sulle dichiarazioni di qualche ex-iscritto. Lo fa inviando agli organi di informazione una nota a firma di Alfredo Sepe, segretario del sindacato bolognese, che annuncia il ricorso al tribunale e ad una querela per diffamazione aggravata attraverso i social.

Sepe, pur non citando il soggetto delle sue accuse, chiarisce che “a nessuno è dato offendere liberamente la dignità e l’immagine della FIALS, fosse anche il peggiore degli avversari”.

La nota della FIALS di Bologna

“Nei giorni scorsi sono volate’ su Facebook dichiarazioni lesive dell’immagine della segreteria FIALS di Bologna. Un ex-iscritto ed ex-dirigente del sindacato, passato nelle fila della FSI – Usae, ha postato su una pagina social affermazioni non veritiere ed offensive nei confronti dell’unico sindacato bolognese che ha fatto, fa e farà gli esclusivi interessi dei lavoratori – si legge nella nota della Fials di Bologna – offendendo noi questo soggetto offendo gli oltre 2500 iscritti al sindacato Fials di Bologna e offende se stesso per la sua, seppur marginale, presenza nella nostra organizzazione. A difesa dei nostri iscritti e dei nostri dirigenti chiariamo che questo personaggio è stato iscritto a tutte le sigle sindacali passando dalla Cgil alla Cisl, dalla Uil alla Fials e ora nuovamente nella Fsi – Usae“.

L’appello a Infermieri, Professionisti della Salute e OSS a rimanere uniti attorno alla FIALS

“Nella FIALS di Bologna non è accaduto nulla di particolare, solo semplici divergenze di vedute sulla conduzione e sulle strategie politico-sindacali della struttura a livello cittadino e territoriale. Chi ha approfittato di questa situazione per scappar via in altri sindacati non può però giustificarsi gettando fango sugli altri – conclude Sepe – pertanto noi resteremo fedeli ai lavoratori e soprattutto resteremo vicini alle loro esigenze reali e non alla voglia di emergere di questo e di altri soggetti simili. Continuate a seguirci e a sorreggerci nelle battaglie contro chi non vuole l’interesse di Infermieri, Oss, Ostetrici, Professionisti Sanitari, Tecnici e Amministrativi. Viva la FIALS di Bologna!”.

La situazione nella FIALS di Bologna e dell’Emilia Romagna si è fatta incandescente nelle ultime settimane a causa di divergenze di vedute e di conduzione della cosa sindacale, ma si sta risolvendo il tutto con l’apporto della segreteria nazionale dell’O.S. delle autonomie locali e della sanità.

Potrebbe interessarti...