histats.com
domenica, Febbraio 5, 2023
HomeIn evidenzaPedrotti (OPI Trento): "ormai ci sono sempre meno giovani disposti a fare...

Pedrotti (OPI Trento): “ormai ci sono sempre meno giovani disposti a fare l’Infermiere”. Una professione da fame.

Pubblicità

Il presidente dell’OPI di Trento Daniel Pedrotti è emblematico: “ormai ci sono sempre meno giovani disposti a fare l’Infermiere”. Una professione da fame. Gli fa eco la FP CGIL.

“La professione infermieristica sta perdendo attrattività verso i giovani, ma anche verso i professionisti stessi”. Lo afferma, in una nota, il presidente dell’Ordine delle Professioni Infermieristiche della Provincia di Trento, Daniel Pedrotti, a nome dell’intero consiglio direttivo.

Il punto di vista dell’Ordine delle Professioni Infermieristiche di Trento.

“In Italia i posti messi a bando ogni anno dalle Università per i Corsi di Laurea in infermieristica non vengono coperti dal numero dei candidati ai test di ammissione; la sede di Trento è ancora attrattiva, sta tenendo e supera il numero di domande rispetto ai posti disponibili, ma il trend è in calo. Inoltre, in questi mesi è aumentato in modo preoccupante il fenomeno delle dimissioni da parte degli infermieri, preferendo il lavoro nel privato o in libera professione e in alcuni casi dell’abbandono vero e proprio dalla professione” – ha scritto, invitando la Provincia di Trento a lavorare affinché la professione torni ad essere più attrattiva, lavorando sulla possibilità di carriera e sul riconoscimento del ruolo dell’infermiere.

La presa di posizione della FP CGIL.

Sulla questione interviene anche la FP Cgil con Luigi Diaspro e Alessandro Lazzarini, Segretario generale e Funzionario del settore Apsp della Fp Cgil del Trentino: “Prendiamo atto dell’aggiornamento del “Piano triennale della formazione degli operatori del sistema sanitario provinciale” da parte della Provincia di Trento, nel quale si prevede un aumento, già per il 2022-2023, del numero chiuso negli accessi ai corsi di laurea per la formazione di futuri infermieri in provincia di Trento, passando così da 140 a 180 posti. Stessa dinamica per le scuole Oss, che vedranno un lieve incremento dei posti per chi vorrà accedere ai corsi. Nell’esprimere il nostro apprezzamento per queste misure, ci pare altrettanto doveroso sottolineare come le stesse siano ancora insufficienti, poiché non riusciranno a compensare la gravissima carenza di personale, sia di infermieri che di Oss, che sta mettendo in ginocchio il Sistema sanitario trentino. Testimonianza ne sono le difficoltà negli ospedali e nelle Apsp, dove non si riescono più a garantire i servizi fondamentali e la stessa qualità di assistenza che è stata sinora un fiore all’occhiello del territorio”.

“Problematiche ancora più evidenti dopo le voci di possibili spostamenti di residenti da alcune Apsp ad altre: comporterebbero gravi conseguenze per gli stessi residenti, già fragili per età e patologie pregresse, che verrebbero pericolosamente destabilizzati da un repentino cambio di ambiente di vita e creerebbe un pericoloso precedente. Contiamo naturalmente sulla smentita dell’assessora Segnana, anche se tutto fa temere eventi non impossibili e paventati anche da Upipa in tempi non sospetti. A più riprese la Fp Cgil ha denunciato la mancanza di lungimiranza della parte politica trentina e, unitariamente nell’iniziativa del 27 luglio scorso, abbiamo espressamente indicato come il personale debba diventare un vero e proprio LEA (livello essenziale di assistenza) per l’assistenza sul territorio. Per fare questo occorre investire e connettere il sistema universitario e scolastico ai fabbisogni del territorio in fatto di personale qualificato e accessi al sistema socio sanitario. Occorrono quindi più coraggio e più risorse: 40 infermieri in più è solo un primo passo” – concludono dalla FP CGIL.

RELATED ARTICLES

Novità

© 2021 Tutti i diritti sono riservati ad AssoCareINFormazione.it.

© 2021 ACN | Assocarenews.it

Associazione di promozione culturale – In attesa di registrazione al Tribunale di Foggia.

Direttore: Angelo “Riky” Del Vecchio – Vice-Direttore: Marco Tapinassi

Incaricati di Redazione: Felice La Riccia, Lorisa Katra, Michela Ciavarella, Michelarcangelo Orlando, Francesca Ricci, Gioacchino Costa.

Per contatti: WhatsApp > 3805851500 – Cellulare 3489869425 Scrivici

Redazione Puglia: Via Renato Guttuso, 4 – Rignano Garganico (FG) – Codice Fiscale: 91022150394

Redazione Toscana: Via Girolamo Fracastoro, 27 Firenze – Codice Fiscale: 91022150394