histats.com

OSS, Infermieri Generici e Puericultrici: vogliamo applicazione Area Socio Sanitaria.

OSS, Infermieri Generici e Puericultrici: vogliamo applicazione Area Socio Sanitaria.

Gli iscritti e i simpatizzanti della Federazione MIGEP e del Sindacato SHC scrivono al ministro della salute e ai sindacati per chiedere l’applicazione dell’Area Socio Sanitaria sancita con la Legge 3/2018.

La Federazione MIGEP e il Sindacato SHC – Settore OSS chiede con una missiva al Ministro della Salute Giulia Grillo l’applicazione di quanto sancito dalla Legge 3/2018, ovvero del riconoscimento ufficiale dell’Area Socio Sanitaria per gli OSS e per le altre figure tecniche. Il documento è stato inviato anche ai sindacati Cgil, Cisl, Uil, Fials, FLP e alla senatrice Barbara Guidolin (Movimento 5 Stelle).

Si parla apertamente nel documento di “mancata applicazione area socio sanitaria – mancata tutela per altre figure”.

Ecco la missiva firmata da più operatori singolarmente.

Lei ha disposto egregio Ministro con il decreto attuativo sulle professioni sanitarie con il quale esclude di fatto l’oss da quanto previsto dalla legge Lorenzin, (area socio sanitaria) relegandolo in operatore d’interesse sanitario, affianco ad altre professioni diverse da quella che poneva la legge. Questo comporta a non comprendere la collocazione dell’operatore con possibili ripercussioni anche contrattuali.

Non vorremmo egregio Ministro che ci abbia regalato un angolino con questa definizione, non vorremmo che la sua opinione e quella di considerare l’oss un ausiliario non qualificato in quanto non laureato, forse non a tutti i torti considerato la formazione che Lei stessa non vuole rivedere. Pensiamo che con quest’attribuzione, ha voluto giocare sulla semantica delle parole, per far cadere in trappola i più addormentati facendo credere che ora l’oss sia qualcosa di sanitario, manovra fatta apposta per arginare il dirompente impatto della legge Lorenzin che richiama la 502/92 art.3 octies area socio sanitaria, mentre Lei richiama la legge 43/2006.

Oggi come oggi alla luce di questo provvedimento l’oss in che ruolo si trova?

Nei contratti dove sarà collocato: ruolo tecnico, ruolo sanitario, poiché il ruolo d’interesse sanitario non esiste? E se è sanitario ha una sua area? che beneficio avrà?

Le organizzazioni sindacali cgil, cisl uil, fials, flp che hanno fra i loro iscritti degli oss cosa ne pensano del provvedimento del Ministro che va contro la legge Lorenzin mai modificata e mai abrogata.

Come pensate di tutelare i vostri oss iscritti? E le altre figure come infermieri generici – puericultrici?

Cosa pensate di fare a riguardo in questa battaglia in difesa dei diritti dei lavoratori coinvolti in questa nuova applicazione delle professioni, non sarebbe opportuno forse unire gli sforzi e le energie al fine di garantire e di tutelare l’operatore socio sanitario? E anche le altre figure dimenticate dai vostri schedari?

Oltre all’oss non viene neanche tutelato l’infermiere generico, la puericultrice, figure, le prime ancora presenti in servizio, le seconde continuano a essere formate presso le scuole riconosciute dal ministero stesso e dimenticate da norme.

Tutti questi lavoratori oss – infermieri generici – puericultrici si aspettano una risposta e non si tralascia da buon sindacato un diritto di un solo singolo lavoratore.

Egregio Ministro in quale ruolo intende collocare l’oss nei contratti poiché a codesta federazione migep e ai lavoratori non è ben chiara la sua linea, e di capire perché ha disatteso la legge di stato sull’area socio sanitaria per l’oss? Perché ha dimenticato gli infermieri generici e li mantiene nell’illegalità giuridica? Perché continua a umiliare la professione della puericultrice?

E compito del Ministro applicare la legge di Stato, o procedere a modifiche o integrazioni o abrogarla, ma non disattenderla.

Come lavoratori e Federazione Migep – SHC Oss attendiamo una risposta.

Redazione

Servizio Redazionale.

© 2019-2020 Tutti i diritti sono riservati ad AssoCareINFormazione.it.

© 2019 ACN | Assocarenews.it

Associazione di promozione culturale – In attesa di registrazione al Tribunale di Bologna.

Direttore: Angelo “Riky” Del Vecchio – Vice-Direttore: Marco Tapinassi

Incaricati di Redazione: Giulia De Francesco, Giovanni Maria Scupola, Ivan Santoro, Gioacchino Costa.

Per contatti: WhatsApp > 3805851500 – Cellulare 3489869425 Scrivici PEC

Redazione Emilia Romagna: Viale Spadolini, 13 – Ravenna – Codice Fiscale: 91022150394

Redazione Toscana: Via Girolamo Fracastoro, 27 Firenze – Codice Fiscale: 91022150394