Infermieri, Oss e Professionisti Sanitari AO Padova avranno contratto decentrato.
Pubblicità

Grazie all’intervento della CISL FP in Euganea 6 parte l’accordo integrativo che darà da subito benefici economici ad Infermieri, OSS e Professionisti Sanitari.

Il 10 dicembre 2019 la SOLA CISL FP, ha firmato l’accordo INTEGRATIVO AZIENDALE con l’Ulss 6 Euganea. L’accordo è particolarmente importante perché sblocca una trattativa che si trascinava da oltre 1 anno e da una risposta trasversale e di giustizia a più di 6000 lavoratori.

I punti dell’Accordo:

Omogeneizzazione delle indennità percepite dai lavoratori dell’Ulss 6 a partire dal 2020,per il personale dei PRONTO SOCCORSI, delle ENDOSCOPIE, in particolare alle Assistenti Sociali che da oltre 1 anno chiedevano che fosse riconosciuta l’indennità di assistenza domiciliare, dovuta per contratto.

RIDUZIONE del ricorso allo straordinario attraverso un sistema di budget, al fine di operare una riduzione pari a 300.000€ circa, a partire dal 2020 e conseguente adeguamento del personale con nuove assunzioni;

Compensare il disagio da richiamata in servizio a causa di assenze improvvise (gettone emergenza – €50€ per turno di servizio) a partire dal 2020;
Pagamento di tutti i turni già effettuati e rendicontati nell’anno 2019 legati alla richiamata in servizio a causa di assenze improvvise (gettone emergenza – 50€ per turno di servizio);

Aumento del budget a disposizione per gli incarichi di funzione di circa €300.000€, disciplinate con regolamento di cui ad apposito accordo, a partire dal 2020;

Ogni biennio, TUTTI i residui fasce liberati dalle cessazioni verranno utilizzati per le PROGRESSIONI ECONOMICHE con un automatismo, senza dover contrattarlo anno per anno;
Prevedere apposite progettualità da effettuarsi nel 2020, per il ristoro di particolari condizioni di disagio di seguito elencate, per un importo pari ad 1.400.000€:

a) disagio derivante dall’effettuazione di turni notturni, con il coinvolgimento di circa 1.500 operatori (sia ruolo sanitario che tecnico/oss),

b) disagio derivante dall’operare presso unità operative con carichi di lavoro particolarmente onerosi individuate in afferenza alle aree mediche quali medicine, geriatrie, lungodegenze, oncologie con il coinvolgimento di circa 500 operatori (sia ruolo sanitario che tecnico/oss);

c) disagio derivante dalla complessiva riorganizzazione dei servizi afferenti l’area amministrativa e tecnica a seguito dell’accorpamento di cui alla legge 19/2016, che vede ora la fase operativa più complessa di realizzazione e sviluppo dei nuovi modelli organizzativi, con il coinvolgimento di circa 500 operatori.

d) disagio derivante dal costante intervento domiciliare degli operatori dell’assistenza domiciliare integrata, con il coinvolgimento di circa 200 operatori.

8. Dal 1 gennaio 2020 l’Azienda provvederà ad attivare la gara per l’acquisto delle CALZATURE SANITARIE per tutti i lavoratori dell’ULSS 6

9. Entro il mese di dicembre uscirà la graduatoria del PART TIME e cominceranno i colloqui x l’assegnazione.

Spiace constatare come CISL FP, che CGIL e UIL hanno abbandonato il tavolo delle trattative e il NURSING UP non si è nemmeno presentato nonostante l’importanza degli argomenti trattatati che da oltre 2 anni erano da tutti attenzionati per dare risposte chiare ed adeguate ai lavoratori dell’Ulss 6 Euganea che ogni giorno con la loro professionalità e disponibilità garantiscono una elevata qualità dell’assistenza erogata ai cittadini.

Come CISL FP abbiamo verificato tutti i fondi delle Ulss del Veneto e abbiamo constatato che un lavoratore dell’ulss 6 ( la più grande Ulss del Veneto) percepisce fino a 2000€ medi in meno di un suo collega per esempio della ulss Trevigiana.
Gli stipendi dei lavoratori dell’Ulss 6 Euganea sono i più bassi di tutta la sanità del Veneto.

Per cui ci siamo mossi immediatamente con la Regione per chiedere di uniformare i fondi dell’ulss 6 a quelli delle altre Ulss, VISTO CHE LA REGIONE È APPENA INTERVENUTA X ADEGUARE QUELLI DELL’AZIENDA OSPEDALIERA e dello IOV!!

NON ESISTONO LAVORATORI DI SERIE A E SERIE B. Tutti svolgono il loro lavoro con professionalità elevata e grande senso di responsabilità garantendo un livello qualitativo elevato della sanità padovana e veneta. PER QUESTO ABBIAMO CHIESTO UN SEGNALE FORTE ALLA REGIONE!!!

ACCORDO RAGGIUNTO – FONDI ULSS 6