Infermieri, Oss e Professionisti Sanitari: arrivano 3 milioni di euro di produttività!

Infermieri, Oss e Professionisti Sanitari: arrivano 3 milioni di euro di produttività!
Infermieri, Oss e Professionisti Sanitari: arrivano 3 milioni di euro di produttività!

Accade ad Imola. Lo annuncia Stefano De Pandis, segretario aziendale della FIALS.

Infermieri, Infermieri Pediatrici, Ostetriche/i, Professionisti Sanitari, Amministrativi e Tecnici riceveranno incentivi in più sugli stipendi grazie alle battaglie della FIALS. Lo riferisce Stefano De Pandis, segretario aziendale del sindacato delle autonomie locali e della sanità presso l’Ospedale “Santa Maria della Scaletta” di Imola. Vediamo nello specifico di cosa si tratta. In arrivo circa 3 milioni euro di produttività.

“A Imola i dipendenti rischiavano di perdere potere di acquisto nei confronti del 2018, li ha salvati la FIALSL – spiega De Pandis – firmata la pre-intesa che rimette nelle tasche dei lavoratori della sanità imolese 2.883.621 euro di produttività”.

Esulta il Segretario Aziendale FIALS Imola: “con l’ avvento del nuovo CCNL si è rischiato di non erogare le stesse quote  di produttività erogate a tutti i lavoratori nel 2018 – spiega – questo per  favorire invece i soliti noti, con il silenzio-assenso delle altre forze sindacali della Triplice”.

Salvi, a dire di De Pandis, i lavoratori.Esulta la FIALS, che annuncia il “convoglio” della quota di produttività collettiva nella busta paga di giugno 2019, mentre quella individuale nella busta paga di settembre, con un conguaglio complessivo diviso in base alle diverse categorie professionali: Cat A 322 euro; Cat B 331 euro; Cat BS 350 euro; Cat C 393 euro; Cat D 424 euro; Cat DS 493 euro.

“Ci impegniamo inoltre a restituire ogni centesimo a chi ha perso i soldi dell’indennità infettivologica non più erogata dall Azienda Imolese ai dipendenti che prestano servizio nelle medicine, ambulatorio tisiologico, pediatria , proponendo un progetto incentivante per questi lavoratori che altrimenti vedranno perdere oltre 400 euro annui, cosa che come sindacato non possiamo permettere assolutamente, poiché quote incisive per un bilancio familiare, tuona il Segretario De Pandis. Terremo attentamente monitorata la questione incarichi di funzione, ex posizioni organizzative, e fasce orizzontali, conclude il sindacato autonomo imolese facente capo al Segretario Generale FIAlS Giuseppe Carbone” – conclude De Pandis.

Potrebbe interessarti...