Mancano Infermieri e OSS: tra doppi turni e sfruttamento. Protesta Fials Bologna.
Mancano Infermieri e OSS: tra doppi turni e sfruttamento. Protesta Fials Bologna.
Pubblicità

Dura presa di posizione contro le aggressioni da parte della Fials di Bologna. All’Ospedale Sant’Orsola-Malpighi ormai gli operatori hanno paura.

Basta Aggressioni. La FIALS di Bologna scrive al Prefetto​ e per conoscenza all’INAIL. La missiva contro il Policlinico Sant’Orsola-Malpighi ha l’obbiettivo di tutelare tutti gli operatori che subiscono aggressioni quotidiane sul posto di lavoro, visti i continui infortuni subiti dai professionisti​. Lo dichiara il segretario provinciale Alfredo Sepe.

Questa volta nel ciclone la Portineria del Padiglione 5 del Policlinico, dove un operatore è stato aggredito verbalmente ed ha rischiato una violenta aggressione fisica. L’Azienda, stando a quanto dichiara Sepe, si è rifiutata di inserire la “classica” barriera protettiva, presente ormai ovunque, dalle poste, nei comuni e in qualsiasi altro luogo pubblico.

“Abbiamo chiesto anche l’implementazione del sistema di Videosorveglianza e di Vigilanza, con un vigilante pronto ad intervenire in caso di necessità, vista la cadenza con cui si verificano queste aggressioni, ormai all’ordine del giorno, in ogni reparto del Policlinico, e per ogni figura professionale (Amministrativi, OSS, Infermieri, Medici)” – chiosa il segretario FIALS.

“Siamo sconcertati dalla negligenza del Policlinico,​ siamo pronti ad offrire assistenza legale, per chiedere il risarcimento del danno subito dagli operatori vittima di aggressioni sul luogo di lavoro​” – conclude Sepe.