Pubblicità

Non è riuscito a vincere la sua battaglia contro il mostro che lo ha divorato lentamente. Gaetano Di Gregorio, Infermiere,  50 anni, lascia il vuoto dietro di se. Ora tornerà a giocare a calcio nei campi del Paradiso celeste.

Addio a Gaetano Di Gregorio, Infermiere con il sorriso d’angelo e con una tremenda voglia di vivere e di amare. A 50 anni è stato stroncato dal “mostro” che lo ha divorato lentamente, senza dargli scampo. Lui ha lottato come un leone fino alla fine, ma il male ha avuto il sopravvento. Lascia la moglie Roberta e il figlio Francesco nato da poco.

Gaetano era un semplice infermiere, come lui stesso si definiva, lavorava ultimamente presso una struttura sanitarie in quel di Vieste (Foggia), nel suo amato Gargano.

Era iscritto fin dal 1995 all’Ordine delle Professioni Infermieristiche di Foggia (OPI, ex-Ipasvi) e non aveva mai lasciato la professione che amava. Era conosciuto per il suo sorriso e per la sua tremenda voglia di vivere e di scherzare.

Fin da piccolo ha avuto la passione per il calcio, soprattutto per quello giocato. Fenomenali sono i suoi bolidi spediti a folle velocità in rete. Aveva lasciato lo sport agonistico da qualche anno, ma ogni tanto si dilettava a riscoprire il brivido del pallone.

Ora non c’è più, stroncato da quel male che non lascia scampo. Attorno a lui i vuoto, il rammarico per non essere riusciti a portarlo nuovamente in goal, a battere sorella morte.

Lascia un bimbo di pochi anni e la moglie Roberta, a cui vanno le carezze affettuose e gli abbracci del direttore e di tutta la redazione di AssoCareNews.it.

Ci mancherai Gaetano.

Per chi volesse partecipare alle esequie: si terranno nella sua Rignano Garganico (FG) l’11 gennaio 2020 alle ore 15.00 presso la Chiesa Matrice dedicata a Maria Santissima Assunta, nel pieno centro storico del più piccolo comune della Montagna del Sole.