histats.com
sabato, Febbraio 24, 2024
HomeConcorsi InfermieriAppunti Concorsi InfermieriStent: cos'è, quando è indicato e come avviene l'operazione di angioplastica e...

Stent: cos’è, quando è indicato e come avviene l’operazione di angioplastica e stenting?

Pubblicità

Stent: cos’è, quando è indicato e come avviene l’operazione di angioplastica e stenting?

Con stent si intende un piccolo tubo a rete che viene inserito in un vaso sanguigno per mantenerlo aperto. Gli stenti vengono utilizzati per trattare una varietà di condizioni, tra cui:

  • Coronaropatia: Gli stenti coronarici vengono utilizzati per trattare le arterie coronarie bloccate o ristrette.
  • Arteriopatia periferica: Gli stenti periferici vengono utilizzati per trattare le arterie bloccate o ristrette nelle gambe e nei piedi.
  • Aneurismi cerebrali: Gli stenti cerebrali vengono utilizzati per trattare gli aneurismi cerebrali, che sono rigonfiamenti nelle arterie del cervello.

Gli stenti vengono inseriti durante una procedura chiamata angioplastica. L’angioplastica è una procedura minimamente invasiva che viene eseguita sotto anestesia locale o generale. Durante la procedura, un cardiologo o un chirurgo vascolare inserisce un catetere (un sottile tubo flessibile) nell’arteria bloccata o ristretta. Il catetere viene guidato attraverso l’arteria fino al punto di blocco. Una volta posizionato il catetere, viene gonfiato un palloncino all’estremità del catetere per allargare l’arteria.

Una volta che l’arteria è stata allargata, lo stent viene posizionato per mantenere l’arteria aperta. Lo stent viene rilasciato dal catetere e si espande nella sua posizione finale. Lo stent è permanentemente posizionato nell’arteria.

La procedura di angioplastica e stenting è generalmente sicura ed efficace. Tuttavia, come con qualsiasi procedura medica, esiste il rischio di complicazioni, come:

  • Infarto: Un infarto può verificarsi se il blocco dell’arteria non viene rimosso completamente o se l’arteria si blocca nuovamente.
  • Ictus: Un ictus può verificarsi se lo stent si rompe o se un frammento di placca si stacca dall’arteria e blocca un vaso sanguigno nel cervello.
  • Trombosi: La trombosi è la formazione di un coagulo di sangue all’interno dello stent. Un coagulo di sangue può bloccare il flusso sanguigno attraverso lo stent e causare un infarto o un ictus.

Dopo l’angioplastica e lo stenting, i pazienti dovranno assumere farmaci per prevenire la formazione di coaguli di sangue all’interno dello stent. I pazienti dovranno anche seguire una dieta sana e fare esercizio fisico regolarmente per ridurre il rischio di complicazioni.

Dott. Marco Tapinassi
Dott. Marco Tapinassi
Vice-Direttore e Giornalista iscritto all'albo. Collaboro con diverse testate e quotidiani online ed ho all'attivo oltre 5000 articoli pubblicati. Studio la lingua albanese, sono un divoratore di serie tv e amo il cinema. Non perdo nemmeno un tè con il mio bianconiglio.
RELATED ARTICLES

Novità

© 2023-2024 Tutti i diritti sono riservati ad AUSER APS - San Marco in Lamis - Tra sanità, servizi socio sanitari e recupero della memoria - D'intesa con AssoCareINFormazione.it.

© 2023-2024 ACN | Assocarenews.it

Quotidiano Sanitario Nazionale – In attesa di registrazione al Tribunale di Foggia.

Direttore: Angelo “Riky” Del Vecchio – Vice-Direttore: Marco Tapinassi

Incaricati di Redazione: Andrea Ruscitto, Lorisa Katra, Luigi Ciavarella, Antonio Del Vecchio, Francesca Ricci, Arturo AI.

Per contatti: WhatsApp > 3474376756Scrivici

Per contatti: Cell. > 3489869425PEC

Redazione Centrale: AUSER APS - Via Amendola n. 77 - San Marco in Lamis (FG) – Codice Fiscale: 91022150394