histats.com
martedì, Maggio 21, 2024
HomePrimo PianoCronacaFIALS sulle violenze contro i sanitari: “Sensibilizzare non basta, bisogna agire!”

FIALS sulle violenze contro i sanitari: “Sensibilizzare non basta, bisogna agire!”

Pubblicità

A partire da quest’anno il 12 marzo sarà la Giornata Nazionale contro la violenza verso i sanitari.

Ad indirla, lo scorso 27 gennaio, il Ministro della Salute Roberto Speranza con un decreto realizzato in sinergia con il Ministro dell’Istruzione, Patrizio Bianchi e il Ministro dell’Università e della Ricerca, Maria Cristina Messa.

La giornata, secondo quanto riportato dal Ministero della Salute servirà per sensibilizzare e per promuovere una cultura che condanni ogni forma di violenza nei confronti dei lavoratori della sanità.

La domanda sorge spontanea.

Perché è stato necessario istituire una Giornata Nazionale?

“L’amara verità – spiega il Segretario Nazionale della Fials Giuseppe Carbone – è che l’aumento delle violenze verso i Professionisti Sanitari è un’ulteriore sconfitta per la nostra Politica.

Ancora non è stata data una risposta istituzionale adeguata ai rischi che i sanitari corrono ogni giorno in Italia”

Secondo il rapporto Inail infatti sono 5mila le aggressioni, ogni anno, subite dagli infermieri italiani, circa 13/14 al giorno. E nel 58% dei casi si è trattato di un’aggressione fisica.

Ancora una volta ad essere più colpite sono le donne che rappresentano il 78% degli infermieri – complessivamente oltre 456 mila – e sono oltre 180 mila quelle che hanno subito un’aggressione nella loro vita.

In 100mila casi si è trattato di aggressioni fisiche

“L’istituzione di una Giornata di sensibilizzazione è sicuramente un primo passo ma – prosegue il leader della Fials – quel che occorre è innanzitutto che ci sia il giusto riconoscimento professionale e sociale dei professionisti sanitari, e che l’intero comparto sia presente quotidianamente nell’agenda politica.

Sensibilizzare la popolazione senza tutelare i sanitari non contribuirà in maniera efficace a ridurre gli episodi di violenza”

E mentre nel nostro Paese si procede aggiungendo ricorrenze in calendario, all’Oxford University Hospital in Inghilterra i sanitari indosseranno telecamere, più piccole di uno smartphone, per scoraggiare gli aggressori.

“È un fatto che la pandemia ha, in tutto il mondo ha aumentato gli episodi di violenza contro i sanitari che sono diventati bersaglio della rabbia di chi, colpito dal virus, ha visto la propria salute appesa a un filo.

Ma ai fatti bisogna rispondere con i fatti – conclude Carbone – che si aumenti quindi la sorveglianza presso gli ospedali e soprattutto va categoricamente aumentato il numero di infermieri in rapporto ai pazienti. Gli operatori sanitari non possono più essere lasciati soli”.

RELATED ARTICLES

Novità

© 2023-2024 Tutti i diritti sono riservati ad AUSER APS - San Marco in Lamis - Tra sanità, servizi socio sanitari e recupero della memoria - D'intesa con AssoCareINFormazione.it.

© 2023-2024 ACN | Assocarenews.it

Quotidiano Sanitario Nazionale – In attesa di registrazione al Tribunale di Foggia.

Direttore: Angelo “Riky” Del Vecchio – Vice-Direttore: Marco Tapinassi

Incaricati di Redazione: Andrea Ruscitto, Lorisa Katra, Luigi Ciavarella, Antonio Del Vecchio, Francesca Ricci, Arturo AI.

Per contatti: WhatsApp > 3474376756Scrivici

Per contatti: Cell. > 3489869425PEC

Redazione Centrale: AUSER APS - Via Amendola n. 77 - San Marco in Lamis (FG) – Codice Fiscale: 91022150394