histats.com
sabato, Febbraio 24, 2024
HomeInfermieriInfermieri di Famiglia: l'Azienda Toscana Centro disponibile al confronto con la Cgil.

Infermieri di Famiglia: l’Azienda Toscana Centro disponibile al confronto con la Cgil.

Pubblicità

Tavolo di confronto con la CGIL sull’Infermiere di Famiglia. L’Azienda immediatamente disponibile al confronto attende l’invito diretto.

L’azienda USL Toscana centro è immediatamente disponibile a confrontarsi con la Cgil sull’Infermiere di Famiglia e attende l’invito diretto, per proseguire con il sindacato quel dialogo che non è mai mancato su un progetto che rappresenta un’eccellenza della Toscana a livello nazionale.

La Cgil ha annunciato tramite un comunicato stampa che “intende chiedere” un tavolo di confronto immediato ma, formalmente, non è pervenuta all’ufficio relazione sindacali alcuna richiesta in tal senso.

L’evidenziare la validità di questo innovativo modello assistenziale che avvicina la risposta sanitaria al domicilio del paziente è stata proprio premura dell’Azienda USL Tc che lo ha elaborato nel 2017 e introdotto nel 2018, poi adottato con la Delibera regionale (delibera 597 del 4 giugno 2018) dopo una positiva sperimentazione proprio sui territori ricompresi nella stessa Azienda Sanitaria.

“Fin da subito abbiamo condiviso anche con i sindacati il progetto – precisa Paolo Zoppi, direttore del Dipartimento di Assistenza Infermieristica e Ostetrica – ed esso ha avuto fin qui riscontri positivi in tutti i territori in termini di accesso più appropriato ai servizi sanitari e socio-sanitari e maggior prossimità e relazione continua con gli infermieri, con vantaggi anche per i familiari oltre che per i pazienti stessi che possono proseguire le cure a domicilio diminuendo il ricorso all’ospedalizzazione. Insomma – ribadisce il direttore del Dipartimento- abbiamo tutta l’intenzione e l’interesse a proseguire questo confronto su questo modello”.

Quanto alla contestazione sul rapporto tra Infermiere di Famiglia e popolazione, Zoppi spiega che la distribuzione degli Infermieri di Famiglia nei Comuni viene fatta adottando il criterio della densità abitativa: per esempio nelle aree montane potrà esserci un Infermiere ogni circa 2.800 abitanti. Lo standard adottato è quindi certo in rapporto alla popolazione ma anche, e soprattutto, in relazione alla distribuzione della stessa sul territorio al fine di una presenza equa e idonea a garantire l’assistenza dovuta ai cittadini.

Orami da tempo la AUSL Tc ha intrapreso la strada del potenziamento delle strutture domiciliari e territoriali, con particolare riguardo ad assicurare sempre di più la cura a casa di pazienti e pertanto anche l’evoluzione naturale del progetto dell’Infermiere di Famiglia e di Comunità sarà quella di assicurare un servizio di continuità nelle 24 ore.

“Tale intenzione, – prosegue Zoppi – al fine di sviluppare ancora di più la presa in carico dei pazienti e la continuità dell’assistenza, elementi che consentono un esercizio dell’infermieristica in una delle sue forme organizzative più avanzate e moderne. Il decreto ministeriale 77 offre delle indicazioni di sviluppo dell’assistenza territoriale che vanno nella stessa direzione dei principi che sostengono il modello dell’Infermiere di Famiglia e di Comunità”.

RELATED ARTICLES

1 commento

Comments are closed.

Novità

© 2023-2024 Tutti i diritti sono riservati ad AUSER APS - San Marco in Lamis - Tra sanità, servizi socio sanitari e recupero della memoria - D'intesa con AssoCareINFormazione.it.

© 2023-2024 ACN | Assocarenews.it

Quotidiano Sanitario Nazionale – In attesa di registrazione al Tribunale di Foggia.

Direttore: Angelo “Riky” Del Vecchio – Vice-Direttore: Marco Tapinassi

Incaricati di Redazione: Andrea Ruscitto, Lorisa Katra, Luigi Ciavarella, Antonio Del Vecchio, Francesca Ricci, Arturo AI.

Per contatti: WhatsApp > 3474376756Scrivici

Per contatti: Cell. > 3489869425PEC

Redazione Centrale: AUSER APS - Via Amendola n. 77 - San Marco in Lamis (FG) – Codice Fiscale: 91022150394