Infermieri pronti a governare processi del Sistema Sanitario e della Professione

Infermieri pronti a governare processi del Sistema Sanitario e della Professione.
Infermieri pronti a governare processi del Sistema Sanitario e della Professione.

Gli Infermieri italiani sono pronti a governare i processi del Sistema Sanitario oltre che della loro Professione. E’ questo il succo del discorso fatto da Barbara Mangiacavalli, presidente della Federazione Nazionale Ordini Professioni Infermieristiche (FNOPI), al termine della prima parte della X Conferenza sulla Professione Infermieristica svoltasi nei giorni scorsi a Bologna.

“La professione infermieristica può e deve governare i processi del sistema sanitario, oltre che della propria professione. Allora, se questo è il terreno di gioco, ci saranno posizioni e competenze da conquistare e posizioni e competenze da cedere, e di questo dobbiamo essere consapevoli se vogliamo contribuire a un nuovo modello di salute e far decollare la professione” – ha spiegato la Mangiacavalli.

“Si chiama posizione contendibile, ma si legge ricostruzione di percorsi, competenze e attività che noi dobbiamo sviluppare e sostenere. – ha aggiunto la presidente FNOPI – Il nostro sapere disciplinare e il nostro sapere manageriale e formativo possono non coincidere e non essere sempre sovrapponibili nei diversi ambiti in cui esercitiamo. Altrimenti non si spiegherebbe perché ci sono infermieri direttori generali e direttori socio sanitari. Queste conquiste però ci fanno capire che se vogliamo arrivare fin qui, altre professioni, sui livelli manageriali e formativi, faranno altrettanto con noi. Una professione matura lo è quando inizia a sgranarsi, cioè occupare spazi e posizioni lontane tra loro e dalla zona di comfort della professione e diverse dal contesto disciplinare.

“Ci sono infermieri che dirigono e formano tanti altri professionisti diversi non perché infermieri, ma perché professionisti competenti e validi. Lo stesso ragionamento, quando accade a nostro vantaggio, può applicarsi anche a nostro svantaggio. Questo ragionamento va reso esplicito e dichiarato o non potremo mai evolvere fuori da un’area monoprofessionale dove infermieri dirigono altri infermieri, ma oltre a quello non riusciamo ad andare. – ha concluso Mangiacavalli – O le posizioni, la governance, i profili, i processi si costruiscono su una base di competenze che appartengono a tutti, e quindi anche agli infermieri, oppure ogni professione parlerà solo a se stessa e non evolverà mai. Allora noi dobbiamo lavorare non tanto sulle rivendicazioni, ma sui percorsi di costruzione e certificazioni di tali competenze”.

L’Infermieristica 3.0 è già alle porte!

Potrebbe interessarti...