histats.com
lunedì, Settembre 27, 2021
Pubblicità
HomeInfermieriAssociazioni InfermieristicheDe Palma (Nursing Up) su tutte le furie: «E’ sconcertante che i...

De Palma (Nursing Up) su tutte le furie: «E’ sconcertante che i sindaci della Marca Trevigiana vogliano assumere infermieri extracomunitari per tappare le carenze di organico».

«Per risolvere i problemi che ci affliggono non servono giochi di prestigio. Si abbia il coraggio di pagare degnamente gli infermieri italiani, e non si cerchino soluzioni sbrigative che rischiano solo di affossare la già traballante qualità delle prestazioni sanitarie offerte ai nostri cittadini».

«Non ci sorprende, ma certo non manca di creare sconforto, l’iniziativa dei sindaci della Marca Trevigiana, che in un recente incontro con il locale Prefetto, per far fronte all’inarrestabile fuga di infermieri dalle Rsa, e alla conseguente carenza di personale sanitario, chiedono, incredibile ma vero, di prorogare fino al 2023 la possibilità di assumere operatori anche da Paesi extraeuropei.

Viene da chiederci, inesorabilmente, quale destino si prospetti per la sanità italiana di fronte ad una politica così superficiale che non tiene conto, in alcun modo, della già traballante situazione che stiamo vivendo, da nord a sud, proprio a causa di gestioni di questo tipo. Già in passato siamo intervenuti su questa materia, con il personaggio di turno che cerca di coprire i buchi con toppe “arrangiate” all’ultimo minuto, che si rivelano alla fine addirittura peggiori dei problemi stessi».

Così Antonio De Palma, Presidente Nazionale del Nursing Up

«Gli infermieri italiani sono tra i pochi, in Europa, ad avere la qualifica accademica di dottore: far arrivare in Italia infermieri extracomunitari, con tutto il rispetto per queste persone, senza garantire che il loro livello di studi sia analogo alla nostra laurea, rappresenta un fatto gravissimo. È di pubblico dominio che ci sono dei paesi in Europa che non richiedono ai loro infermieri la medesima preparazione universitaria dei professionisti italiani. Di conseguenza assumere personale sanitario con queste qualifiche significa mettere a rischio la già febbricitante qualità della nostra assistenza. Possibile che i sindaci del Veneto non si rendano conto che i cittadini della loro regione non sono cittadini di serie B e che quindi non meritano un’assistenza di qualità più bassa?

Non siamo d’accordo con quanto sta accadendo. Lo ripetiamo ancora una volta, e per difendere le nostre idee riprenderemo quelle battaglie, se necessario, che hanno portato migliaia e migliaia di colleghi nelle piazze di tutta Italia. Sono necessarie, seduta stante, strategie mirate e soprattutto risorse economiche per permettere ai nostri infermieri, cioè alle professionalità elevate di cui disponiamo, di non scappare via, verso realtà sanitarie all’estero, che oggi gli consentono di avere stipendi che per noi sono proibitivi.
È arrivato il momento di cominciare a pagare degnamente i nostri infermieri, senza pensare di sostituirli in fretta e furia con figure che non possiedono, nemmeno lontanamente, il loro solido percorso di studi».

Redazione AssoCareNews.it
Redazione di AssoCareNews.it
RELATED ARTICLES

2 Commenti

Comments are closed.

Novità

© 2021 Tutti i diritti sono riservati ad AssoCareINFormazione.it.

© 2021 ACN | Assocarenews.it

Associazione di promozione culturale – In attesa di registrazione al Tribunale di Foggia.

Direttore: Angelo “Riky” Del Vecchio – Vice-Direttore: Marco Tapinassi

Incaricati di Redazione: Felice La Riccia, Lorisa Katra, Michela Ciavarella, Michelarcangelo Orlando, Francesca Ricci, Gioacchino Costa.

Per contatti: WhatsApp > 3805851500 – Cellulare 3489869425 Scrivici PEC

Redazione Puglia: Via Renato Guttuso, 4 – Rignano Garganico (FG) – Codice Fiscale: 91022150394

Redazione Toscana: Via Girolamo Fracastoro, 27 Firenze – Codice Fiscale: 91022150394