Ordini Professionali Sanitari bocciati da Antitrust: non cambia nulla!

Ordini Professionali Sanitari bocciati da Antitrust: non cambia nulla!

Sul parere dell'Antitrust relativo all'istituzione di Ordini Sanitari non Medici ora si registra la presa di posizione del Sindacato Professionale Italiano Fisioterapisti Area Riabilitativa (SFIR AR) che parla di inutili polemiche e di una visione distorta di ciò che è accaduto realmente.

Il sindacato SFIR AR fa sapere ad AssoCareNews.it che la presa di posizione dell'Antitrust non è vincolante e che riguarda esclusivamente le strutture ordinistiche in ambito sanitario ancora in fase di realizzazione. Il Super-Ordine per intenderci, che conterrà al suo interno tutte le Professioni Sanitarie non Mediche, non Infermieristiche e non Ostetriche.
Ecco la nota di Antonio G. Carisano, presidente nazionale del sindacato di riferimento dei Fisioterapisti Italiani, gruppo professionale che intende costituirsi autonomamente una volta realizzato il Maxi-Albo. Infatti, la Legge Lorenzin prevede che possano richiedere un distaccamento dalle altre professioni quelle categorie che abbiano superato i 50.000 iscritti ufficiali all'albo. Sulla carta i Fisioterapisti sarebbero 64.000, quindi facile immaginare che tra non molto chiederanno vita a sé. Di questo ne avevamo parlato anche in un altro servizio.

L'Antitrust e la Legge Lorenzin

La Legge Lorenzin (N. 3/2018) è stata fortemente voluta dalle Professioni Sanitarie, non ancora ordinate, per dare piena dignità e pari opportunità alle stesse, oltreché, per riparare ai danni commessi dai Governi precedenti, a partire dal Governo D’Alema, che nel 1999, stralciò dall’art. 1 nella L. 42/99, l’istituzione degli Ordini per le Professioni Sanitarie, per non parlare dell’affossamento di tale obiettivo (istituzione Ordini scritto chiaramente nel testo originale e poi tolto all'ultimo momento prima dell'approvazione) della L. 43/06, dove alcuni politici, con sottile linguaggio “politichese”, ebbero modo, illustrando l’inutilità dell’Istituzione di ulteriori Ordini Professionali, avevano l’auspicio che venissero aboliti Tutti gli altri Ordini insistenti.
 
Ad oggi i vecchi ordini non sono stati aboliti, anche e soprattutto per il fatto che, a mio modesto avviso, risulta difficile per la politica, scardinare poteri consolidati, a cui invece, ne riconosco, nel nostro sistema, l’utilità di esistenza, non solo per contrastare l’abusivismo professionale, ma anche per determinare percorsi deontologicamente corretti ed essenzialmente rispettosi dell’essenza della professione che si esercita.
 
Oggi assistiamo, ma non inermi, ad una espressione di opinione dell’ANTITRUST che ritiene, NON OPPORTUNO, creare nuovi ordini ed albi per le professioni sanitarie “non mediche”.
 
Ricordiamo ai nostri iscritti e simpatizzanti che l’opinione dell’Agcm (Antitrust), non può essere considerata come una riforma di una legge dello Stato ma come un mero parere, che risulta essere non vincolante per quella politica (buona) che tutela il professionista ed il cittadino.
 
Per cui, riallacciandomi alla mia lettera aperta, rimaniamo fiduciosi che le procedure già avviate per la pre iscrizione, continuino ad andare avanti nel migliore dei modi ricordando che, una legge approvata e promulgata (L.3/2018) può essere solo abrogata o dichiarata incostituzionale e ciò, non compete sicuramente all’ Antitrust.
 
Questo il mio augurio.
 
Dott. Antonio G. Cartisano, presidente SFIR AR
Pin It
Redazione
Author: RedazioneWebsite: http://www.assocarenews.itEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
La redazione del quotidiano sanitario nazionale è formata da Infermieri, Infermieri Pediatrici, Oss e Professionisti della Salute e della Formazione.
Altri servizi dell'Autore


Stampa   Email