La presidente FNOPI Barbara Mangiacavalli, decisa nel difendere gli infermieri ed infermieri pediatrici!

SSN senza infermieri: la FNOPI non sta a guardare!

Al termine delle tre giornate del Congresso Nazionale, la Federazione Nazionale degli Ordini delle Professioni Infermieristiche (FNOPI) è già al lavoro su molte tematiche importanti. In particolare, la presidente Barbara Mangiacavalli ha dichiarato che la Federazione non resterà certo a guardare circa il drastico calo del numero degli infermieri nel SSN ed ha condotto un'analisi dettagliata del problema.

Negli anni il numero di infermieri alle dipendenze del Servizio sanitario nazionale è drasticamente e continuamente calato.

Dal 2009 (anno dell’ultimo contratto e anno in cui sono iniziati i piani di rientro per le Regioni fortemente in deficit economico, quasi tutte del Sud) si sono perse 12.031 unità di personale, contro, ad esempio i 7.731 medici. Le perdite in entrambi le professioni hanno paradossalmente mantenuto costante il rapporto medici/infermieri (1:2,5) che convenzionalmente a livello internazionale è fissato in 1:3.

Questo rapporto tranne in tre Regioni era nel 2016 (anno dell’ultimo Conto annuale della Ragioneria generale dello Stato) sempre inferiore all’1:3, fino ad arrivare a 1:1,9 della Sicilia. La carenza complessiva attuale è di oltre 20mila unità per poter fare fronte alle necessità legate al rispetto della normativa europea su turni e orari di lavoro nelle strutture del Ssn e oltre 30mila unità per rendere efficiente l’assistenza sul territorio e il suo aumento costante medio di 1.700-2000 unità di personale l’anno, fa ragionevolmente ritenere, a legislazione costante, una carenza tra cinque anni stimabile in circa 30mila infermieri nelle strutture pubbliche e circa 40mila sul territorio per un totale di quasi 70mila infermieri.

Per di più chi è in servizio è sempre più vecchio: l’età media degli iscritti agli Ordini è 45,6 anni, quella dei dipendenti del Ssn 50,49, con differenze marcatissime nelle Regioni dove il blocco del turn over è totale (in Campania tra iscritti all’albo e dipendenti ci sono 8,9 anni) e minori in quelle a statuto speciale che si comportano in autonomia (in Friuli Venezia Giulia la differenza è 1,38 anni a sfavore dei dipendenti), seguite dalle Regioni Benchmark: in Emilia Romagna, Lombardia e così via.

Che la carenza di infermieri ci sia e che sia negativa per la gestione dell’assistenza lo dice anche un altro dato. Secondo un recente studio pubblicato sul British Medical Journal, condotto presso alcuni ospedali inglesi, il tasso di mortalità risulta del 20% inferiore quando ogni infermiere ha in carico un numero di pazienti pari a 6 o meno, rispetto a quei contesti dove ogni singolo infermiere ha in carico 10 o più pazienti.

Un altro studio pubblicato sul New England Journal of Medicine ha sottolineato che il rischio di morte aumenta con l’esposizione a turni con ore di presenza infermieristica inferiori di almeno 8 ore rispetto al monte-ore programmato oppure con turni nei quali il turnover dei pazienti è molto elevato. Lo studio dimostra che il rischio di morte aumenta del 2% per ogni turno con presenze al di sotto del monte ore programmato e del 4% per ogni turno con elevato turnover.

Nel nostro Paese ogni infermiere ha in carico in ospedale in media 11 pazienti e si raggiungono i 17 in Campania, mentre la situazione migliore nelle Regioni a statuto ordinario è in Veneto, Toscana, Liguria e Basilicata dove ogni infermiere ha in media in carico 8-9 pazienti. Sul territorio, per rispondere ai bisogni di salute degli oltre 16 milioni di cittadini con patologie croniche o non autosufficienza, la Federazione nazionale degli infermieri ha calcolato la necessità di almeno un infermiere ogni 500 assistiti (assistenza continua) di questo tipo: oltre 30mila in tutto, quindi, per poter erogare le prestazioni infermieristiche e di aiuto infermieristico previste a carico del Ssn anche nel Dpcm sui nuovi Lea e nel Piano nazionale cronicità.

La competenza sarebbe assunta con un preciso percorso universitario, oggi attivo già in 9 atenei e che ha portato alla formazione di circa 5.400 professionisti “specializzati”. Questo tipo di infermiere potrebbe intervenire nell’offerta di assistenza territoriale nelle Case della salute, gli ospedali di comunità, dove può gestire direttamente persone con problemi di fragilità, in collaborazione con i medici di medicina generale.

La carenza di infermieri è considerata un grave rischio per i sistemi sanitari anche a livello internazionale.

La campagna Nursing Now, avviata il 27 febbraio scorso dall’Oms e da Icn, l'International Council of Nurses, Il Consiglio internazionale delle infermiere, sottolinea anzitutto che senza interventi – necessari e urgenti – nel 2030 mancheranno nel mondo 9 milioni di infermieri e aggiunge che è necessario migliorare la percezione degli infermieri, migliorare la loro influenza e massimizzare il loro contributo per garantire che tutti abbiano accesso alla salute e all'assistenza sanitaria.

La campagna Oms-ICN prevede entro la fine del 2020 di raggiungere cinque obiettivi, analoghi in gran parte a quelli già evidenziati nella ricerca Oasi 2017 dalla Sda Cergas Bocconi:

1. Maggiori investimenti per migliorare l'istruzione, lo sviluppo professionale, gli standard, la regolamentazione e le condizioni di lavoro per gli infermieri.

2. Maggiore e migliore diffusione di pratiche efficaci e innovative nell'infermieristica.

3. Maggiore influenza per infermieri e ostetriche sulla politica sanitaria globale e nazionale, come parte di un più ampio sforzo per garantire che la forza lavoro della salute sia maggiormente coinvolta nel processo decisionale.

4. Più infermieri in posizioni di comando e maggiori opportunità di sviluppo a tutti i livelli.

5. Fornire ai responsabili politici e decisionali riferimenti per comprendere dove l'infermieristica può avere il maggiore impatto, cosa impedisce agli infermieri di raggiungere il loro pieno potenziale e come affrontare questi ostacoli.

 

La Federazione è pronta a portare questa analisi su tutti i tavoli di confronto ufficiali al fine di presentare la realtà puntuale dello status quo e cercare assieme agli organi competenti le giuste misure di intervento, sulla cui necessità non si discute!

Pin It
Redazione
Author: RedazioneWebsite: http://www.assocarenews.itEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
La redazione del quotidiano sanitario nazionale è formata da Infermieri, Infermieri Pediatrici, Oss e Professionisti della Salute e della Formazione.
Altri servizi dell'Autore


Stampa   Email