Dom. Lug 14th, 2024

Andrea, un nome fittizio, racconta la sua esperienza di vita come infermiere dell’Aeronautica Militare e il suo successivo passaggio alla carriera privata. Originario di Gioia del Colle (Puglia), Andrea, oggi 84 anni, è un noto assicuratore a Riccione. La sua storia professionale e personale è una testimonianza delle sfide e delle evoluzioni della professione infermieristica militare in Italia.

Inizio della Carriera

Andrea ha iniziato la sua carriera nel 1955 presso la Scuola Militare dell’Aeronautica a Taranto, dove ha seguito un corso di nove mesi per diventare infermiere. Dal 1 settembre 1956 si è trasferito a Rimini, lavorando presso l’Infermeria Piloti dell’Aeronautica Militare. Qui, insieme a un collega e a istruttori medici, ha gestito le cure di circa 100 militari e 500 civili.

Mansioni e Attività

La sua attività lavorativa era suddivisa in due settori principali:

  1. Azioni Burocratiche:
    • Compilazione delle cartelle cliniche dei piloti.
    • Registrazione dei parametri vitali e dei risultati delle indagini diagnostiche.
    • Gestione delle somministrazioni e infusioni terapeutiche.
  2. Azioni Sanitarie:
    • Rilevamento dei parametri vitali e fisici.
    • Audiometria, elettrocardiogrammi, elettroencefalogrammi e campo visivo.
    • Medicazione di ferite, somministrazione di terapie e supporto psicologico.

Transizione alla Vita Privata

Dopo 18 anni di servizio come sottufficiale maresciallo nell’Aeronautica Militare, Andrea ha deciso di passare al settore privato, diventando un assicuratore a Rimini. Nonostante il cambiamento di carriera, ha continuato a fornire supporto e consigli sanitari a chi ne aveva bisogno.

Evoluzione della Professione

Dal 1955 a oggi, la professione dell’infermiere militare ha subito significativi cambiamenti. Oggi, per diventare infermieri dell’Aeronautica Militare, è necessaria una laurea in infermieristica. La formazione e l’addestramento continuano a essere rigorosi, con una maggiore enfasi sulle competenze avanzate e sulla gestione delle emergenze.

Strutture Sanitarie dell’Aeronautica Militare

Il Servizio Sanitario dell’Aeronautica Militare oggi comprende sei infermerie principali, che forniscono consulenza specialistica e terapeutica al personale militare e civile. Le infermerie principali si trovano a Milano, Roma, Pozzuoli, Bari, Verona-Villafranca e Pratica di Mare, con presidi medicali sparsi in altre basi.

Riconoscimenti e Futuro della Professione

Andrea riflette su come, nonostante i progressi fatti, gli infermieri militari non siano ancora valorizzati come dovrebbero. Sostiene la necessità di riconoscere il ruolo differenziato degli infermieri laureati, promuovendo:

  • La transizione da sottufficiali a ufficiali.
  • Maggiori opportunità di carriera e incrementi salariali.
  • Il riconoscimento delle competenze avanzate e delle capacità manageriali.
  • Offrire opportunità formative oltre la laurea di base.

Le riflessioni di Andrea

La storia di Andrea illustra la dedizione e il contributo degli infermieri militari italiani, evidenziando l’importanza di riconoscere e valorizzare il loro ruolo nel sistema sanitario militare. Il suo percorso, dall’inizio come infermiere militare alla carriera di assicuratore, rappresenta un esempio di come le competenze e l’esperienza acquisite possano essere applicate in diversi ambiti professionali.

Autore

Un pensiero su “Infermiere dell’Aeronautica Militare: la storia di Andrea.”
  1. Forse le forze armate e in particolare i medici che continuano ad ostacolare la transizione degli infermieri al ruolo ufficiali, si renderanno conto della necessità di valorizzare la categoria infermieristica quando sarà troppo tardi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *