Dom. Lug 14th, 2024

Gli infermieri militari in Italia sono professionisti sanitari che operano all’interno delle Forze Armate, prestando assistenza infermieristica a personale militare e civile in diverse situazioni, comprese missioni di pace, conflitti armati, e operazioni di emergenza. Vediamo più nel dettaglio il loro ruolo, le loro funzioni, la formazione e il processo di reclutamento.

Storia

La figura dell’infermiere militare ha radici antiche. Già nel Medioevo, ordini monastico-cavallereschi come i Cavalieri Ospitalieri di San Giovanni di Gerusalemme (poi Cavalieri di Malta) si dedicavano a fornire cure ai pellegrini e ai crociati. Durante la Campagna d’Italia di Napoleone nel 1796, comparvero le “ambulanze volanti”, formazioni mobili di pronto soccorso.

Nel 1854, durante la Guerra di Crimea, Florence Nightingale guidò un gruppo di infermiere volontarie per curare i soldati britannici, segnando l’inizio dell’uso ufficiale del personale femminile negli ospedali militari.

Ruolo e Funzioni

  1. Assistenza Sanitaria Generale
    • Gli infermieri militari forniscono assistenza sanitaria a militari e civili, sia in tempo di pace che in situazioni di conflitto.
    • Operano in ospedali militari, ambulatori, basi operative e sul campo di battaglia.
  2. Supporto in Missioni Internazionali
    • Partecipano a missioni di pace e umanitarie, collaborando con organizzazioni internazionali.
    • Forniscono assistenza sanitaria alle popolazioni locali e ai contingenti militari.
  3. Gestione delle Emergenze
    • Intervengono in situazioni di emergenza e disastri naturali, fornendo primo soccorso e assistenza sanitaria.
    • Partecipano a operazioni di soccorso a livello nazionale e internazionale.
  4. Autonomia Operativa
    • Gli infermieri militari sono dotati di autonomia operativa, gestendo direttamente le attività di assistenza infermieristica.
    • Possono eseguire manovre di supporto vitale in assenza di personale medico, soprattutto in situazioni di urgenza.

Inquadramento Giuridico

In Italia, gli infermieri militari sono inquadrati come sottufficiali nelle Forze Armate e fanno parte del Corpo sanitario dell’Esercito Italiano. Operano con autonomia professionale, in conformità alla legge 1º febbraio 2006, n. 43, che definisce le loro funzioni e responsabilità.

Formazione

  1. Requisiti di Base
    • Laurea in infermieristica e abilitazione professionale.
    • Superamento di concorsi pubblici con prove scritte, pratiche e psico-attitudinali.
  2. Addestramento Militare
    • Formazione specifica presso scuole militari, dove si acquisiscono competenze infermieristiche e militari.
    • Addestramento in tecniche di primo soccorso, medicina d’urgenza e gestione delle emergenze.
  3. Aggiornamento Continuo
    • Partecipazione a corsi di aggiornamento per mantenere le competenze al passo con le nuove tecnologie e metodologie.
    • Formazione continua in conformità al decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502.

Reclutamento

Il reclutamento degli infermieri militari avviene attraverso due percorsi distinti:

  1. Nomina Diretta a Maresciallo di Sanità
    • Riservato a chi possiede la Laurea in infermieristica e ha fino a 32 anni di età.
    • Corso tecnico-applicativo di 6 mesi presso la Scuola militare di sanità e veterinaria di Roma.
  2. Allievi Marescialli di Sanità
    • Selezione dopo il primo anno presso la Scuola Sottufficiali dell’Esercito di Viterbo.
    • Laurea in infermieristica presso la Scuola militare di sanità e veterinaria di Roma.

Arruolamento nei Corpi Ausiliari

Gli infermieri possono arruolarsi anche nei Corpi Ausiliari, come il Corpo Militare della Croce Rossa Italiana e il Corpo Militare dell’ACISMOM. Gli infermieri della Croce Rossa Italiana sono generalmente inquadrati con il grado di caporale, mentre quelli dell’ACISMOM con il grado di maresciallo ordinario. Le infermiere volontarie della Croce Rossa e dell’ACISMOM sono equiparate al grado di sottotenente.

Ruolo cruciale

Gli infermieri militari italiani svolgono un ruolo cruciale nella sanità militare, garantendo assistenza sanitaria di alta qualità in una varietà di situazioni e ambienti. La loro formazione rigorosa e la capacità di operare in condizioni difficili li rendono una componente essenziale delle Forze Armate italiane.

Autore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *