Dom. Lug 14th, 2024

Nel vasto mercato delle informazioni, definizioni più o meno realistiche spesso emergono su argomenti complessi come la terapia intensiva. Secondo una delle fonti più consultate, Wikipedia, la terapia intensiva è descritta come “il reparto ospedaliero dove vengono garantite al paziente critico cure intensive necessarie per il particolare stato di salute del paziente, quali ad esempio il supporto delle funzioni vitali (respiratore meccanico, farmaci inotropi, ecc.), […] monitoraggio continuo e intervento immediato.” Ma come si colloca l’infermiere in questo ambiente critico?

L’Infermiere in Prima Linea

Ogni giorno in terapia intensiva è una battaglia per i pazienti, costretti a lottare contro mali che li allontanano dalla vita senza distinzioni di sesso, età, provenienza o estrazione sociale. In questo contesto, l’infermiere si muove tra il silenzio assordante delle stanze chiuse, interrotto solo dal rumore dei monitor cardiaci e dei ventilatori. Con mani esperte e una mente colma di conoscenza, l’infermiere gestisce con sicurezza anche gli imprevisti, manovrando ventilatori, telemetrie, macchine extracorporee e infusioni.

La Guerra Asimmetrica e gli Alleati

L’infermiere non è solo in questa guerra asimmetrica. Al suo fianco, vi sono la famiglia del malato, che può assisterlo ventiquattro ore su ventiquattro, e tutte le figure professionali che orbitano intorno al letto del paziente. L’obiettivo comune è guarire la persona e prendersi cura di chi gli sta intorno. La distinzione tra giorno e notte è labile in terapia intensiva, ma la giornata inizia presto, con i prelievi di routine alle 7:00 che danno il via al nuovo giorno.

La Routine del Reparto

Gli infermieri si prendono cura del corpo del paziente, preparano e somministrano i farmaci, mantenendo sempre alta l’attenzione ai minimi segnali di peggioramento o miglioramento. Si rapportano ai macchinari salvavita come tra persone che si stimano, considerandoli strumenti indispensabili. La mattina scorre tra attività incessanti, e il pomeriggio segue lo stesso ritmo. Il turno di notte, invece, aggiunge un pizzico di tranquillità, con attività ridotte e sensi più acuti.

Una Dedizione Costante

Ogni giorno in terapia intensiva, tra silenzi e pause, gli infermieri affrontano una sfida continua. La loro dedizione, competenza e resilienza sono fondamentali per la sopravvivenza e il benessere dei pazienti. Sono eroi silenziosi che, con professionalità e umanità, combattono una battaglia senza tregua per restituire la vita a chi è in pericolo.

Conclusione

L’infermiere in terapia intensiva rappresenta una figura centrale e insostituibile. La sua capacità di operare con competenza e umanità, di coordinarsi con il team sanitario e di supportare i pazienti e le loro famiglie è essenziale per il successo del trattamento intensivo. In un luogo dove la linea tra la vita e la morte è sottilissima, l’infermiere è un faro di speranza e una colonna portante dell’assistenza sanitaria.

Dott. Andrea A., Infermiere Terapia Intensiva

Seguici anche su:

  • Gruppo Telegram: Concorsi in Sanità – LINK
  • Gruppo Telegram: AssoCareNews.it – LINK
  • Gruppo Telegram: Infermieri – LINK
  • Gruppo Telegram: Operatori Socio Saniari (OSS) – LINK
  • Gruppo Facebook: Concorsi in Sanittà – LINK
  • Pagina Facebook: AssoCareNews.it – LINK
  • Gruppo Facebook: AssoCareNews.it – LINK
  • Gruppo Facebook: Operatori Socio Sanitari – LINK
  • Gruppo Telegram: ECM Sanità – LINK
  • Gruppo Facebook: ECM Sanità – LINK

Per contatti:

Autore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *