Dom. Lug 14th, 2024
oss congedo 104 infermiere stress licenziato

I sindacati autonomi Snalv Confsal e Confsal sostengono da tempo che il comparto dell’assistenza agli anziani è vicino al collasso e denunciano, da un lato, il Governo e le istituzioni pubbliche che ignorano i problemi del sistema dell’accreditamento, rivelatosi fallimentare sotto vari aspetti e, dall’altro, i datori di lavoro che lamentano una profonda crisi finanziaria e l’impossibilità di aumentare gli stipendi dei propri dipendenti.

«Nel mezzo, come spesso accade, ci sono i lavoratori che rappresentano l’anello sacrificale di questa fragile catena- denuncia il sindacato- e che da anni prestano la propria opera in contesti sottorganici e con stipendi bassissimi». 

L’associazione datoriale Anaste ha riferito alle organizzazioni sindacali la volontà di equiparare gli stipendi dei lavoratori del settore privato a quelli dei colleghi del pubblico impiego, accogliendo la proposta dello Snalv Confsal e della Confsal, ma- sottolineano i datoriali- soltanto a patto che la politica prendi in seria considerazione i problemi del comparto.

«Comprendiamo la posizione di Anaste, le cui aziende accreditate svolgono un servizio pubblico essenziale in un quadro regolatorio fortemente inadeguato» – dichiara il Segretario Generale SNALV Confsal e Vice-Segretario Generale Confsal, Maria Mamone – «ma lo stallo istituzionale non può continuare a penalizzare i lavoratori, stremati dal carico di lavoro e con un potere d’acquisto sempre più basso. Le aziende devono fare la propria parte, con o senza il doveroso intervento istituzionale, che anche noi stiamo sollecitando da tempo».

I lavoratori attendono il rinnovo del contratto collettivo nazionale del lavoro (CCNL) Anaste, scaduto da circa un anno e mezzo. Il primo obiettivo di Snalv Confsal e Confsal è quello di garantire pari stipendi tra pubblico e privato, eliminando le discriminazioni retributive oggi esistenti tra i medesimi profili professionali: ma, aggiunge in conclusione la dott.ssa Mamone, «occorre ripensare all’organizzazione del lavoro nel suo complesso, perché anche nella sanità pubblica assistiamo ad una fuga crescente. Il lavoro deve essere valorizzato, non soltanto per i soldi a fine mese, ma soprattutto per limitare lo stress che oggi ti porti a casa, tutti i giorni. La tematica non può essere più ignorata, perché da essa dipende la sostenibilità dell’intero sistema di welfare, il cui fabbisogno è in perenne crescita».

Per maggiori informazioni: https://snalv.it

Seguici anche su:

  • Gruppo Telegram: Concorsi in Sanità – LINK
  • Gruppo Telegram: AssoCareNews.it – LINK
  • Gruppo Telegram: Infermieri – LINK
  • Gruppo Telegram: Operatori Socio Saniari (OSS) – LINK
  • Gruppo Facebook: Concorsi in Sanittà – LINK
  • Pagina Facebook: AssoCareNews.it – LINK
  • Gruppo Facebook: AssoCareNews.it – LINK
  • Gruppo Facebook: Operatori Socio Sanitari – LINK
  • Gruppo Telegram: ECM Sanità – LINK
  • Gruppo Facebook: ECM Sanità – LINK

Per contatti:

Autore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *