Lun. Lug 22nd, 2024

Fials Puglia sollecita la convocazione di un tavolo di confronto per salvare i livelli occupazionali.

La situazione nelle Residenze Sanitarie Assistenziali (RSA) ‘San Raffaele’ di San Nicandro Garganico e Troia è critica. Con l’avvicinarsi della scadenza dei termini della ‘fase amministrativa’ della procedura di licenziamento, fissata per fine giugno, la tensione sociale tra i lavoratori è palpabile. Il segretario generale della Fials Puglia, Massimo Mincuzzi, ha nuovamente fatto appello al presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, per l’immediata convocazione di un tavolo di confronto tra Azienda, Regione, ASL FG e ASL Lecce, coinvolgendo anche la RSA di Campi Salentina.

Un’Intesa per Salvaguardare i Livelli Occupazionali

Il sindacato auspica un accordo che preveda l’adeguamento dei livelli di remunerazione delle prestazioni erogate dalle RSA gestite dalla società Sgas – Sviluppo e gestione di attività sanitarie Srl. La situazione attuale è particolarmente tesa e il sindacato non esclude la possibilità di manifestazioni di protesta contro la Regione se non verranno prese misure immediate.

Una Missiva per Sollecitare l’Azione

Nella sua missiva, indirizzata anche al Direttore del Dipartimento Promozione della Salute, Vito Montanaro, e al presidente del Comitato Sepac, Pantaleo Caroli, il segretario generale della Fials Puglia ha ripercorso le tappe della vertenza. A seguito della decisione dell’azienda di avviare la procedura di licenziamento per cessazione attività, il Comitato regionale per il monitoraggio del sistema economico produttivo e delle aree di crisi ha convocato, il 23 aprile scorso, una riunione presso la Presidenza della Giunta regionale. All’incontro parteciparono il vice presidente della Giunta regionale, Raffaele Piemontese, l’allora assessore alle Politiche della Salute e l’assessore allo Sviluppo Economico, oltre alle direzioni generali delle ASL di Foggia e Lecce.

Impegni Non Mantenuti

In quella sede, era stato assunto l’impegno a convocare un tavolo regionale di confronto che, purtroppo, alla data odierna non è mai stato convocato, evidenzia Mincuzzi. La società Sgas ha invece convocato le organizzazioni sindacali il 16 maggio, ultimo giorno della consultazione sindacale prevista dalla procedura. L’incontro si è concluso con la sottoscrizione di un verbale di mancato accordo, non essendosi materializzata alcuna novità in ordine agli impegni assunti dall’istituzione regionale.

Fase Amministrativa e Prospettive Future

Terminata la fase di consultazione sindacale, è partita la fase amministrativa, che dura 45 giorni al massimo. Spirato anche quest’ultimo termine, Sgas Srl potrà comunicare il licenziamento del personale.

Conclusione

La situazione è estremamente critica e richiede un’azione immediata per evitare il licenziamento del personale e la conseguente crisi occupazionale nelle RSA ‘San Raffaele’. La Fials Puglia continuerà a fare pressione affinché le istituzioni regionali mantengano gli impegni presi e trovino una soluzione che tuteli i lavoratori e garantisca la continuità delle prestazioni sanitarie. I lavoratori, nel frattempo, sono pronti a manifestare per difendere i loro diritti e il loro futuro occupazionale.

Autore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *