Dom. Lug 14th, 2024

La riforma sull’Autonomia Differenziata ha sollevato numerosi interrogativi e preoccupazioni riguardo al futuro della formazione degli Operatori Socio-Sanitari (OSS). Come Federazione Migep-Stati Generali, desideriamo esprimere la nostra profonda inquietudine per le conseguenze che questa riforma potrebbe avere sulle garanzie sociali e sui servizi essenziali di assistenza nelle regioni meno ricche del paese.

Disuguaglianze Regionali in Aumento

La riforma potrebbe aggravare le già esistenti disparità tra le regioni del Nord e del Sud Italia. Le regioni con maggiori risorse fiscali saranno in grado di offrire servizi sanitari e sociali di alta qualità, mentre quelle meno ricche potrebbero vedere un ulteriore deterioramento delle loro capacità di fornire assistenza adeguata. Questo divario si rifletterà inevitabilmente anche nella formazione professionale, nelle graduatorie concorsuali, nei salari del personale e nei contratti di lavoro, creando un’Italia spaccata e frammentata.

La Formazione degli OSS a Rischio

Uno dei punti critici riguarda la formazione degli Operatori Socio-Sanitari (OSS). Il Disegno di Legge (DDL) sull’Autonomia Differenziata potrebbe portare alla creazione di qualifiche diverse per gli OSS nelle diverse regioni, con conseguenti disparità negli stipendi e nelle competenze. Tale situazione rischia di generare professionisti di serie A e serie B, minando il principio di equità nell’accesso alla formazione e al lavoro.

Impatto sulla Qualità della Sanità

Le differenze regionali nella formazione e nelle retribuzioni degli OSS potrebbero compromettere la qualità della sanità a livello nazionale. La carenza di personale infermieristico, già un problema serio, potrebbe essere aggravata da un sistema di formazione disomogeneo e da stipendi non competitivi. Questo scenario minerebbe non solo la tutela professionale degli OSS ma anche il diritto alla salute dei cittadini.

L’Appello della Federazione Migep-Stati Generali

Come Federazione Migep e Stati Generali OSS, siamo fermamente impegnati nella difesa di una formazione equa per tutti gli operatori socio-sanitari e per una sanità accessibile e di qualità per tutti i cittadini. Riteniamo che l’Italia non possa permettersi di frammentare ulteriormente il sistema sanitario, creando 21 profili diversi di OSS con differenti qualifiche e retribuzioni. È essenziale mantenere un sistema sanitario unitario che offra gli stessi standard di cura e formazione in tutto il paese.

Un’Italia Unita nella Sanità

Per garantire un futuro equo e sostenibile per la professione OSS, è necessaria una politica sanitaria che detti linee guida chiare a livello nazionale. La valorizzazione degli OSS, la riduzione dei carichi di lavoro e l’eliminazione delle discriminazioni devono essere priorità assolute. È fondamentale che i professionisti della sanità, da Nord a Sud, abbiano le stesse opportunità di formazione e carriera.

Conclusioni

L’autonomia differenziata rappresenta una sfida cruciale per la coesione sociale e la qualità della sanità in Italia. Come Federazione Migep e Stati Generali OSS, continueremo a vigilare e a batterci per un sistema sanitario che non lasci nessuno indietro e che riconosca il valore inestimabile degli Operatori Socio-Sanitari. Un’Italia forte e unita può e deve garantire lo stesso livello qualitativo assistenziale a tutti i suoi cittadini e professionisti.

Angelo Minghetti
Federazione Migep

Gennaro Sorrentino
Stati Generali OSS

Autore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *