Lun. Lug 22nd, 2024

«Non è solo un ambito riconoscimento personale di cui vado fiero. E’ il premio di tutti i dirigenti sindacali che condividono ogni giorno, al mio fianco, le battaglie per le professioni sanitarie».

Antonio De Palma, Presidente del Nursing Up, Sindacato Nazionale Infermieri, nel corso di un evento particolare che si è svolto nella serata di ieri, è stato insignito del prestigioso Premio Margutta 2024, per la sezione Diritti Sociali.

E’ la prima volta nella storia della manifestazione, giunta alla 27esima edizione, che viene assegnato questo riconoscimento al leader di un sindacato.

La motivazione, riportata testualmente dalla presentatrice della manifestazione, recita: “Per la sua costante presenza sui media e per la sagace difesa dei diritti dei cittadini e dei professionisti sanitari. Uno stile diverso di lotta sindacale, un sodalizio tra professionisti e cittadini, finalizzato alla tutela dei diritti di entrambi, che grazie a questo si è rivelato di particolare efficacia ed impatto comunicativo”.

«Non posso che esprimere orgoglio e commozione per questo ambito premio, esordisce Antonio De Palma. Vivo questo traguardo importante come  un riconoscimento al  sindacato Nursing Up , nella sua interezza,  e di questo vado  fiero.

Mi fa piacere condividere e rilanciare  le parole espresse da Riccardo Cocciante, orgoglio del nostro panorama musicale, anche lui insignito del premio nella sezione cantanti: nella vita regaliamo tanto agli altri, arriva il momento che gli altri regalano a noi. Ecco oggi è proprio quel momento…

Siamo di fronte al risultato mio e di tutti i dirigenti sindacali del Nursing Up, con i quali abbiamo realizzato e condiviso le battaglie che hanno fatto importante, in questi anni, il nostro sindacato agli occhi dell’opinione pubblica, sino a creare un vero e proprio “sodalizio con la cittadinanza” .

Certamente, continua De Palma, il premio ci arriva in un momento storico delicatissimo per la sanità italiana e per le lotte che caratterizzano ogni giorno il nostro impegno per la tutela dei diritti dei professionisti sanitari. Martedì prossimo, infatti, saremo in audizione in Senato per dire la nostra in merito al neonato Piano di Abbattimento delle Liste di Attesa presentato dal Governo.

La  crescente stima da parte dei cittadini e dell’opinione pubblica, nei confronti delle nostre battaglie ci rende più forti che mai, pronti a non arretrare di un millimetro rispetto ai nostri intenti, per contribuire a disegnare un nuovo presente e un nuovo futuro per gli infermieri, le ostetriche e tutti gli altri professionisti dell’area non medica, oggi più che mai al servizio di una collettività sociale attenta e sempre più in grado di osservare e valutare con grande obiettività e competenza», conclude De Palma.

Autore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *