histats.com

Studenti Infermieri: come scrivere un Piano Assistenziale fatto bene.

Studenti Infermieri: come scrivere un Piano Assistenziale fatto bene.

Come realizzare un Piano di Assistenza Infermieristica fatto veramente bene? Studenti Infermieri: ecco alcuni consigli utili per non sbagliare.

Anche se nella pratica lavorativa i Piani di Assistenza Infermieristica non sono praticamente mai utilizzati in Italia, le Università continuano (e fanno bene) a chiederli ai loro studenti. Saper realizzare un progetto assistenziale fatto bene può aiutare soprattutto a riflettere su ciò che si è fatto, su ciò che si sta facendo e su cosa si farà su e con l’Assistito. Ecco alcuni consigli utili per non sbagliare.

Saper compilare un buon Piano di Assistenza Infermieristica aiuta gli Studenti a sviluppare le proprie capacità nella “progettazione” delle cure. Non è semplice imparare, ci vuole tempo per giungerne a scriverne uno velocemente. La pratica è tutto. Un Infermiere in erba ha bisogno di tempo, solo il tempo lo temprerà.

In un precedente servizio parlavamo dei Piani Assistenziali secondo il Modello bifocale di Carpenito.

Modello bifocale di Lynda Juall Carpenito.

Inoltre in un altro servizio illustravamo i vari modelli di piano assistenziale attualmente in voga.

Modelli assistenziali: come Infermieri (e OSS) gestiscono i Pazienti.

Perché è importante un piano di assistenza infermieristica?

La creazione di un piano di assistenza infermieristica è spesso un’attività poco amata dalla maggior parte degli studenti infermieri.

È importante per i seguenti motivi:

  • Fornisce attenzione per la cura individuale del paziente.
  • Fornisce indicazioni sul flusso di cure pianificato per il paziente.
  • Semplifica le priorità.

La creazione di un piano di assistenza consente all’infermiere di fare un elenco delle diagnosi e dei problemi di salute del paziente.

Attraverso la lista è facile identificare il problema più importante che richiede prima di tutti un intervento immediato.

Promuove la continuità delle cure.

Un piano di assistenza infermieristica è uno strumento ottimo di comunicazione per l’assistenza ai pazienti. Gli infermieri aggiornano continuamente il piano mentre eseguono interventi pianificati nei rispettivi turni.

Dà una rapida occhiata all’intensità delle cure di cui il paziente ha bisogno. Serve da guida per anticipare le esigenze sanitarie del paziente. Gli Assistiti con esigenze sanitarie intense potrebbero aver bisogno di infermieri con competenze o formazione specializzate.

La creazione di piani di assistenza consente agli infermieri di affinare le proprie capacità di documentazione. Migliorano le loro capacità nel documentare le azioni sanitarie mentre descrivono le valutazioni e gli interventi fatti per il paziente.

Piano Assistenza Infermieristica Standard.

Le istituzioni sanitarie hanno diversi formati di piani di assistenza. Il formato più comune utilizzato include diagnosi, dati, risultati attesi, interventi e valutazione.

Diagnosi – Si concentra sul miglioramento della salute e sul benessere generale dell’Assistito. La diagnosi può essere ulteriormente collegata a cause scatenanti correlate come situazioni e condizioni problematiche.

Esempio 1:

  • Nutrizione squilibrata: inferiore ai requisiti corporei relativi all’incapacità di ingerire cibo;
  • Intolleranza all’attività correlata all’ipossia tissutale associata ad anemia;
  • Rischio di infezione correlato alla ridotta funzione dei leucociti.

Raccolta dati – Importante capire come sta il Paziente.

Esempio 2:

  • Debolezza generalizzata;
  • Tachipnea;
  • Ritardata guarigione della ferita.

Risultati attesi – Questi sono gli obiettivi del piano di assistenza infermieristica realizzato. Il piano di cura realizzato viene considerato efficace una volta raggiunti i risultati previsti.

Esempio 3:

  • Prima della dimissione, il paziente dimostrerà l’ingestione nutrizionale sufficiente per le esigenze metaboliche quotidiane, come dimostrato dal miglioramento della misurazione del peso e dei livelli energetici migliorati.
  • Alla fine del turno, il paziente verbalizzerà la comprensione dei fattori di rischio identificati. Prima della dimissione, il paziente presenterà tolleranza all’attività fisica come evidenziato da segni vitali stabili durante l’attività.

Interventi – Queste sono le azioni che aiuteranno a raggiungere i risultati desiderati per il paziente. Gli interventi previsti mirano a fornire soluzioni per la diagnosi effettuata. Nei tradizionali piani di assistenza infermieristica, in particolare quelli insegnati agli studenti infermieri, gli interventi hanno motivazioni o ragioni di attuazione corrispondenti.

Esempio 4:

  • Cerca segni di riluttanza a collaborare. (Razionale: riflette la necessità di concentrarsi sull’educazione del paziente sull’entità delle sue condizioni);
  • Promuovere il corretto posizionamento e la meccanica del corpo. (Motivazione: queste tecniche risparmiano energia e riducono il rischio di lesioni accidentali);
  • Pulisci e cambia le medicazioni. (Razionale: prevenire lo sviluppo dell’infezione della ferita correlata a scarsa igiene e cura inappropriata della ferita).

Valutazione – Determina l’efficacia degli interventi attuati. Guida inoltre l’infermiere successiva nella creazione o nell’aggiornamento del piano di assistenza infermieristica del paziente per il turno successivo.

Esempio:

  • Il paziente ha un aumento dell’appetito.
  • Il paziente ha tollerato di camminare intorno al letto con segni vitali stabili.
  • Il paziente non ha mostrato segni imminenti di infezione della ferita manifestati dall’integrità cutanea intatta attorno al sito dell’incisione.

I passaggi più semplici su come scrivere un piano di assistenza infermieristica fatto bene.

  • # 1: Raccolta dati.

È qui che entra in gioco la valutazione. Fai una valutazione frontale. Ottieni la storia del paziente. Includi risultati anomali dei test diagnostici. Correlare i dati raccolti con i segni e i sintomi documentati del paziente.

  • # 2: Analisi.

Analizzare e interpretare i dati raccolti. C’è qualche problema di salute che deve essere immediatamente prioritario? L’analisi dei dati raccolti ti aiuterà a trovare un focus per il tuo piano di assistenza infermieristica. Ti aiuterà anche a costruire correttamente la diagnosi infermieristica.

  • # 3: Organizza le informazioni.

Metti insieme tutte le informazioni pertinenti dopo aver selezionato il problema di messa a fuoco. Allineali nel formato del piano di assistenza. Potrebbe essere necessario tradurre alcuni termini in frasi mediche più formali. È più facile formulare interventi una volta che tutte le informazioni sono organizzate nel modello del piano di assistenza.

  • # 4: Convalida con risorse.

Questo passaggio è consigliato per gli infermieri degli studenti. Convalida la bozza del piano di assistenza con le tue risorse. Le risorse utilizzate frequentemente per i piani di assistenza includono NANDA, NOC e NIC. La convalida del piano di assistenza creato con risorse esistenti aiuterà a correggere possibili errori e migliorare le capacità di documentazione.

  • # 5: Recensione.

Rivedi il tuo piano di cura dopo aver completato la messa a punto dei dati inseriti. Ricorda che i piani di assistenza infermieristica sono anche documenti legali che possono essere utilizzati in tribunale in caso di problemi legali. Garantire la chiarezza e l’accuratezza del piano di assistenza.

Suggerimenti per la stesura di un piano di assistenza infermieristica.

  • Esercitati spesso: scrivere ogni giorno un piano di assistenza infermieristica aiuta a perfezionare le capacità di documentazione. Gli infermieri esperti possono scrivere rapidamente buoni piani di assistenza infermieristica a causa degli anni di esperienza che hanno nel documentare l’assistenza ai pazienti. Dopo un sacco di pratica, memorizzerai a memoria le diagnosi e gli interventi infermieristici.
  • Impara dalle risorse: ci sono molte risorse per i piani di assistenza infermieristica. Il riferimento universalmente noto tra gli infermieri degli studenti è la North American Nursing Diagnosis Association o NANDA. Hanno prodotto molti tipi di risorse per la creazione di piani di assistenza infermieristica. Il loro elenco di diagnosi infermieristiche è completo e aggiornato ogni anno.
  • Aumenta le capacità di valutazione e definizione delle priorità – La creazione di un piano di assistenza infermieristica di qualità inizia dalla valutazione. Non è possibile identificare i problemi di salute del paziente senza una corretta valutazione condotta. La priorità è il prossimo passo importante dopo aver identificato i problemi di salute del paziente. È facile costruire un piano di assistenza infermieristica se si dispone di dati sufficienti ottenuti dalla valutazione e dalla definizione delle priorità.
  • Crea il tuo modello di piano di assistenza infermieristica – Ci sono molti modelli di piano di assistenza disponibili sul web. Per facilità d’uso, è meglio creare il proprio modello di piano di assistenza. È più facile padroneggiare la scrittura del piano di cura se si crea il proprio modello.

Ci vuole tempo per perfezionare la capacità di documentare. Esercitati a scrivere spesso un piano di assistenza infermieristica. Anche la lettura di piani reali sarà utile. Esamina i progetti dei tuoi colleghi e impara dal loro stile di scrittura.

Avatar

Redazione AssoCareNews.it

Redazione di AssoCareNews.it

© 2019-2020 Tutti i diritti sono riservati ad AssoCareINFormazione.it.

© 2019 ACN | Assocarenews.it

Associazione di promozione culturale – In attesa di registrazione al Tribunale di Bologna.

Direttore: Angelo “Riky” Del Vecchio – Vice-Direttore: Marco Tapinassi

Incaricati di Redazione: Giulia De Francesco, Lorisa Katra, Michela Ciavarella, Giovanni Maria Scupola, Ivan Santoro, Gioacchino Costa.

Per contatti: WhatsApp > 3805851500 – Cellulare 3489869425 Scrivici PEC

Redazione Emilia Romagna: Viale Spadolini, 13 – Ravenna – Codice Fiscale: 91022150394

Redazione Toscana: Via Girolamo Fracastoro, 27 Firenze – Codice Fiscale: 91022150394

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: