histats.com

Luigi, ex-Studente Infermiere: nel mio comune i bambini hanno diritto a giocare per strada

Luigi, ex-Studente Infermiere: nel mio comune i bambini hanno diritto a giocare per strada
Il cartello affisso all'ingresso di Rignano Garganico.

Luigi Di Fiore con i suoi 28 anni è uno dei sindaci più giovani d’Italia, ma è anche un ex-Studente del Corso di Laurea in Infermieristica presso l’Università di Bologna. Oggi fa il sindaco di Rignano Garganico, minuscolo centro abitato ubicato a 10 Km da San Giovanni Rotondo (Foggia). A lui è venuta l’idea di impiantare all’ingresso del più piccolo Comune del Parco Nazionale del Gargano un cartello con su scritto “Attenzione rallentare – In questo comune i bambini giocano ancora per strada”.

L’impegno per il sociale e per le problematiche dei più piccoli è tra le prerogative del programma elettorale di Luigi, che fa il primo cittadino da meno di un anno, ma che si è già contraddistinto per varie iniziative a favore dei meno abbienti e di chi ha veramente bisogno d’aiuto dal punto di vista socio-sanitario ed economico-familiare. 

Ieri la notizia del cartello ha fatto il giro d’Italia varcando anche i confini esteri grazie al potere della stampa e dei social-network. E da oggi chi giungerà a Rignano farà attenzione a non superare i 30 all’ora con l’auto e con qualsivoglia mezzo motorizzato, perché in questo piccolo centro i bambini, quei pochi ancora rimasti, giocano per strada e hanno diritti a farlo.

Luigi, dicevamo, ha una formazione ampia nel campo dell’Assistenza Infermieristica. Per motivi personale ha preferito la carriera politica a quella dell’Infermiere, ma in fondo ha il core buono e rimane per noi sempre un Infermiere, pur se non si è mai laureato.

Il piccolo sindaco dimostra di essere un grande sindaco. Tutti i giorni continua a combattere contro il fenomeno disarmante del decremento demografico di Rignano Garganico, tentando di fermare l’emorragia di trasferimenti dei più giovani al Nord o all’estero. Negli anni ’60 il suo comune contava più di 3300 abitanti contro gli attuali poco più di 2000. In questa parte del Gargano manca una intera fascia d’età (dai 18 ai 65 anni) e sono sempre più le coppie che preferiscono o possono restare in paese. Le nascite sono quasi pari a zero e un lieve incremento si è avuto negli ultimi anni solo con l’arrivo in paese di ragazzi e ragazze stranieri.

Luigi ha il “pallino” per la sanità ed è tra i promotori di due iniziative socio-sanitarie molto importanti che potrebbero sorgere in paese:

  • il Centro VitaSana, ovvero un ospedale polifunzionale dedicato a pazienti cronici da riabilitare e o affetti da patologie rare; la struttura dovrebbe ospitare un centinaio di utenti e dare lavoro ad altrettante unità tra dipendenti, collaboratori e indotto;
  • una Residenza Sanitaria per Anziani, da realizzare presso strutture già esistenti (ex-Scuola Elementare); in questo caso gli ospiti da “sistemare” sarebbero una cinquantina, mentre i lavoratori potrebbero arrivare fino a 100 tra dipendenti, collaboratori e indotto.

Se Luigi ce la farà o meno lo vedremo, ma la vocazione dei Rignanesi per il sociale può fare la differenza.

Dott. Antonio Del Vecchio

© 2019-2020 Tutti i diritti sono riservati ad AssoCareINFormazione.it.

© 2019 ACN | Assocarenews.it

Associazione di promozione culturale – In attesa di registrazione al Tribunale di Bologna.

Direttore: Angelo “Riky” Del Vecchio – Vice-Direttore: Marco Tapinassi

Incaricati di Redazione: Giulia De Francesco, Giovanni Maria Scupola, Ivan Santoro, Gioacchino Costa.

Per contatti: WhatsApp > 3805851500 – Cellulare 3489869425 Scrivici PEC

Redazione Emilia Romagna: Viale Spadolini, 13 – Ravenna – Codice Fiscale: 91022150394

Redazione Toscana: Via Girolamo Fracastoro, 27 Firenze – Codice Fiscale: 91022150394