histats.com
mercoledì, Settembre 22, 2021
Pubblicità
HomeConcorsi InfermieriAppunti Concorsi InfermieriCreatinina e Creatina-Fosfato. Viaggio tra Clearance e Creatininemia.

Creatinina e Creatina-Fosfato. Viaggio tra Clearance e Creatininemia.

Come risaputo la Creatinina non è altro che il risultato finale della degradazione della creatina-fosfato (detta anche fosfocreatina). Viaggio tra Clearance depurativa e Creatininemia.

Già in passato avevamo parlato della Creatinina, che non è altro che il risultato finale della degradazione della creatina-fosfato (o fosfocreatina). Si tratta di una forma di energia immediatamente utilizzabile dal nostro organismo. Perché è importante valutare i suoi valori e quali esami il Medico indicherà di fare per verificarli? Scopriamolo assieme.

Cos’è la Creatinina.

Creatinina: cos’è e quali sono i suoi valori anomali.

Generalità.

Nel Corpo Umano la Fosfocreatina è ubicata principalmente nel muscolo scheletrico e nel cuore. La CreatinaFosfato costituisce per tali tessuti una fonte energetica immediatamente utilizzabile.

Una volta degradata (utilizzata dal punto di vista energetico) la Fosfocreatina in Creatinina questa viene riversata nel sangue.

In una fase successiva essa è filtrata dai glomeruli renali ed eliminata nella sua totalità con le urine, senza essere riassorbita a livello tubulare.

Creatinina e metabolismo muscolare.

Essendo ubicata nei muscoli lisci la produzione di Creatinina è strettamente correlata al metabolismo della Creatina-Fosfato, sostanza necessaria all’apparato muscolare per la loro contrazione.

Mentre i muscoli assorbono la Creatina-Fosfato per le loro attività quotidiane una parte di essa viete convertita in maniera costante e irreversibile in Creatinina. Essa viene veicolata nel flusso ematico ed eliminata poi attraverso le urine.

Il dosaggio della Creatinina.

Pertanto dosare la Creatinina escreta diventa una informazione utile sull’effettiva funzionalità dei reni, organi preposti al filtraggio del sangue.

Come misurarla.

Misurarla, dicevamo, è importantissimo per valutare la presenza di Patologie o di disfunzioni d’organo.

Essa si misura in due modi:

  • per via ematica (Creatininemia);
  • per via urinaria (Creatinininuria delle 24 ore).

Valori normali.

Quali sono i valori che il nostro organismo deve “rispettare”?

Negli adulti, ad esempio, i valori normali variano da 0,6 a 1,3 mg/dl (ovviamente di sangue).

Questi livelli tendono a mantenersi costanti ovviamente nelle 24 ore.

Però va tenuto in considerazione che tali valori sono strettamente correlati al sesso del Paziente (quindi anche al peso, all’età, all’effettiva massa muscolare). Per tale motivo la concentrazione della Creatinina è un po’ superiore negli uomini rispetto alle donne e agli utenti pediatrici.

Ad esempio.

il valore normale della clearance di creatinina è compreso:

  • tra 95 e 140 ml/minuto nell’uomo;
  • tra 85 e 130 ml/minuto nella donna.

Quando la presenza nel flusso ematico di Creatinina risulta troppo elevata vuol dire che i reni non riescono a farla passare nelle urine, per cui non svolgono a pieno o per nulla la loro funzione.

Quando la presenza nel flusso ematico di Creatinina risulta troppo bassa è possibile imbattersi in anemie, atrofie muscolari, astenie prolungate e stati debilitativi.

Quando ci si deve allarmare?

L’Insufficienza Renale può essere una delle cause principali dei valori elevati di Creatinina. Ad essa si può però associare anche una intensa attività di stress fisico (sport, lavori usuranti, ecc.), ustioni e traumi muscolari.

Le cause della Creatinina Alta nel sangue.

Livelli elevati di Creatinina nel sangue o nelle urine fanno scattare l’allarme, perché possono essere la punta dell’iceberg di patologie renali anche importanti.

Valori alti nel sangue possono essere causati dall’assunzione di farmaci nefrotossici, overo che risultano tossici per i reni. Tra gli altri ricordiamo:

  • antibiotici;
  • diuretici;
  • chemioterapici.

Valori alti nelle urine possono essere, invece, associati alla somministrazione di Captopril e di Corticosteroidi.

Nella stragrande maggioranza dei casi la presenza di valori elevati di Creatinina è causata da:

  • insufficienza renale acuta o cronica;
  • ingrossamento o danno dei vasi renali (glomerulonefriti);
  • infezioni a carico dei reni (pielonefriti);
  • calcoli renali;
  • ridotto apporto di sangue ai reni dovuto a scompenso cardiaco, aterosclerosi o complicanze del diabete;
  • patologie prostatiche o altre cause di ostruzione del tratto urinario;
  • ipertiroidismo;
  • ipertrofia muscolare;
  • dermatomiosite;
  • acromegalia;
  • miastenia gravis;
  • gotta;
  • ipertensione arteriosa;
  • eccessi sportivi;
  • traumi o lesioni del muscolo;
  • ustioni.

Capita che in alcuni soggetti anche le diete eccessivamente ricche di proteine della carne possono contribuire ad alzare il Tasso di Creatinina nel sangue.

Sintomi della Creatinina Alta nel sangue:

  • stanchezza;
  • gonfiore ai piedi o alle caviglie;
  • scarso appetito;
  • prurito e pelle secca;
  • crampi muscolari;
  • minzione frequente e/o dolorosa;
  • mancanza di respiro.

Il calcolo della Creatinina e la corretta idratazione del Paziente.

Il livello e la qualità dell’idratazione del Paziente sono strettamente correlati allo studio della Creatinina. Infatti, esso può essere inficiato in situazioni di disidratazione dell’Assistito in quanto essendoci pochi liquidi circolanti il Corpo Umano prodice meno urine e di conseguenza la concentrazione della creatinina risulta implementata.

Altre cause di valori elevati della Creatinina urinaria.

Elevati livelli di concentrazione della Creatinina urinaria possono essere causati da diverse situazioni quali:

  • febbre;
  • digiuno;
  • iperattività muscolare;
  • ipotiroidismo.

Le cause della Creatinina Bassa nel sangue.

Livelli bassi di Creatinina sierica (presente nel sangue) possono essere associati normalmente a situazioni di debolezza e gravidanza (fino al secondo trimestre).

Altra causa può essere la riduzione della massa muscolare (per senescenza normale o per le condizioni di salute contingenti che provocano atrofia muscolare progressiva).

Livelli bassi di Creatinina nel sangue possono essere pertanto causati da:

  • anemia;
  • ipotiroidismo;
  • leucemia;
  • distrofia muscolare;
  • mioglobinuria;
  • dieta a basso contenuto di proteine.

Livelli bassi di Creatinina nelle urine.

Una diminuzione della concentrazione della creatinina urinaria può essere dovuta a diverse situazioni quali:

  • insufficienza renale;
  • patologie muscolari;
  • ipertiroidismo;
  • anemia.

La Clearance della Creatinina.

Quando parliamo di Clearance della Creatinina parliamo della sua depurazione. In pratica intendiamo la quantità di sangue che viene purificata da tale sostanza in 1 minuto sempre ad opera del rene.

Va da sé immaginare che per la Clearance renale della Creatinina è necessario valutare la Raccolta delle Urine nelle 24 ore.

Quando si avranno le urine della giornata intera sarà poi possibile valutare:

  • la creatininuria (concentrazione di creatinina nelle urine);
  • la creatininemia (concentrazione di creatinina nel plasma).

Le formule legate al dosaggio di Creatinina.

  • C= (U x V)/P.

Dove:

    • C = clearance;
    • U = concentrazione urinaria della sostanza;
    • V = volume di urine raccolto nelle 24 ore;
    • P = concentrazione plasmatica della sostanza (creatininemia).

Se si vuol tenere conto della superficie corporea del soggetto, la formula viene leggermente modificata:

  • C= [(U x V)/P] x (1,72 / S).

Dove:

    • 1,72 = superficie corporea standard, in m2 di una persona di 70 kg (quindi va aggiornata al Paziente che abbiamo di fronte);
    • S = superficie corporea del soggetto preso in esame, sempre espressa in m2 e ricavabile dal peso e dall’altezza del paziente mediante apposite tabelle.

Misurare la Creatinina prodotta.

I livelli di Creatinina possono essere rilevati attraverso l’esame:

  • del sangue;
  • delle urine;
  • o mediante l’analisi della Clearance della Creatinina.

Per il sangue l’esame oramai è di routine. Basta un semplice prelievo ematico (il Paziente deve stare a digiuno e a riposo da almeno 8 ore).

Per le urine l’esame è un po’ più lungo e va effettuato su un campione racconto nelle 24 ore. Quest’ultimo esame quasi sempre viene abbinato al primo per ottenere una valutazione più affidabile della funzionalità renale.

Ma esiste anche un terzo esame più approfondito: la Clearance della Creatinina. Si tratta un valore che può essere utilizzato per valutare lo stato di salute dei reni. Viene calcolato in base alla rilevazione della creatinina nel sangue (creatininemia) in rapporto alla quantità di urina prodotta in 24 ore e al suo contenuto della stessa sostanza. Per cui l’esame si effettua su un campione di urine raccolto in 24 ore.

La preparazione del Paziente.

Per quanto detto finora tra le 8 e le 12 ore prima del prelievo è importante evitare di praticare un intenso esercizio fisico. E’ necessario che il Paziente resti a digiuno la notte precedente al prelievo o di astenersi dal mangiare carne.

Come interpretare i risultati delle indagini di laboratorio.

Creatinina.

Quando il valore di Creatinina presente nel Plasma è più alto del normale e la persona non è particolarmente muscolosa, si pensa ad un mal funzionamento degli organi renali. Pertanto il Medico dovrà indagare in maniera più approfondita sulla situazione clinica dell’assistito.

Infatti, l’aumento della concentrazione di Creatinina nel sangue può suggerire la presenza di patologie o condizioni fisiche quali:

  • ridotta funzionalità dei reni;
  • scompenso cardiaco;
  • diabete;
  • scorretta dieta alimentare (ricca di proteine);
  • eccessi sportivi;
  • ipertiroidismo;
  • traumi muscolari.

Il risultato deve essere approfondito con l’esame della Clearance della Creatinina.

Al contrario, se la Creatinina plasmatica risulta bassa, ci si trova probabilmente di fronte ad un Paziente con una scarsa massa muscolare o con patologie che diminuiscono la stessa. E quindi ci si può trovare di fronte a soggetto affetto da:

  • anemie;
  • stati debilitativi;
  • ipotiroidismo;
  • leucemia.

Ovviamente valori bassi di Creatinina plasmatica si riscontrano anche in gravidanza.

Clearance di creatinina.

In sintesi:

  • se il valore è più basso del normale, è possibile diagnosticare una disfunzione della filtrazione renale;
  • se il valore è più alto del normale, probabilmente si tratta semplicemente di una persona con scarsa massa muscolare.

Leggi anche:

Esami di Laboratorio: Analisi del sangue e delle urine.

Corpo Umano: viaggio all’interno di una macchina perfetta.

Redazione AssoCareNews.it
Redazione di AssoCareNews.it
RELATED ARTICLES

1 commento

Comments are closed.

Novità

© 2021 Tutti i diritti sono riservati ad AssoCareINFormazione.it.

© 2021 ACN | Assocarenews.it

Associazione di promozione culturale – In attesa di registrazione al Tribunale di Foggia.

Direttore: Angelo “Riky” Del Vecchio – Vice-Direttore: Marco Tapinassi

Incaricati di Redazione: Felice La Riccia, Lorisa Katra, Michela Ciavarella, Michelarcangelo Orlando, Francesca Ricci, Gioacchino Costa.

Per contatti: WhatsApp > 3805851500 – Cellulare 3489869425 Scrivici PEC

Redazione Puglia: Via Renato Guttuso, 4 – Rignano Garganico (FG) – Codice Fiscale: 91022150394

Redazione Toscana: Via Girolamo Fracastoro, 27 Firenze – Codice Fiscale: 91022150394