running sport fitness corsa
Pubblicità

Il running è uno degli sport più praticati in Italia e nel mondo. La sua popolarità continua a crescere grazie anche ai benefici sul cuore espressi dai Cardiologi di tutto il Pianeta.

Il running è una delle pratiche sportive più diffuse in Italia e nel resto del Pianeta. Medici Cardiologi ed Infermieri continuano a consigliarlo a tutti coloro che per motivi di salute, o semplicemente per perdere peso, ne hanno bisogno.

Come dicevamo la popolarità delle maratone e della corsa a lunga distanza continua a registrare consensi. Ma lo stesso vale per il numero di studi che esaminano se le gare di resistenza costanti siano salutari. E’ quanto riferiscono gli americani di Heart.org.

Ricerche recenti hanno sollevato allarmi sul potenziale accumulo di placche (ateromi) e cicatrici nel cuore in alcuni corridori di lunga distanza. Tuttavia, altri studi hanno suggerito che quando i maratoneti hanno malattie cardiache, potrebbero essere in grado di resistere meglio dei non corridori.

Ciò che non è in discussione, tuttavia, è il potere di alzarsi dal divano, quello spesso manca (la pigrizia è sempre difficile da debellare).

“Qualsiasi tipo di esercizio aerobico ha un effetto positivo sul cuore – ha detto il dottor Dan Meyer, capo del trapianto cardiaco presso Baylor Scott & White Health a Dallas – la corsa è una modalità di esercizio molto efficiente. A volte può essere rilassante e allevia lo stress. Trovo che abbia sia benefici emotivi sia fisici”.

Le radici della maratona moderna risalgono alla leggendaria storia greca del messaggero Filippide. Ha corso la distanza da Marathon ad Atene, circa 25 miglia, per annunciare “Nike!” (vittoria) sull’esercito persiano.

Alcuni resoconti dicono che Fidippide aveva già percorso 150 miglia in due giorni. E la maggior parte delle storie dice che è crollato per l’esaurimento dopo il suo annuncio.

Avanti veloce di qualche migliaio di anni e, a seconda delle buone temperature e del clima locale, la stagione delle corse è sempre in pieno svolgimento da qualche parte. E da Myrtle Beach, nella Carolina del Sud, a Los Angeles, la scaletta delle maratone cresce ogni primavera e autunno.

Nel 1976, circa 25.000 corridori hanno finito le maratone negli Stati Uniti, secondo Running USA, un’organizzazione senza scopo di lucro che promuove la corsa a distanza. Quarant’anni dopo, nel 2016, più di 507.000 persone lo avevano fatto.

Il dottor Peter McCullough, capo della ricerca cardiovascolare presso il Baylor Heart and Vascular Institute di Dallas, ha completato 54 maratone, una in ogni stato. Ma si è fermato nel 2012, dopo aver detto che la ricerca che mostrava i potenziali pericoli non li rendeva degni del rischio.

“Ho pensato che ci fossero prove sufficienti del fatto che non ero disposto a pagare il prezzo finale – ha detto McCullough, che corre ancora ma per 5 o 6 miglia alla volta. Sono convinto che andare a macinare per ore e ore a un ritmo costante sia la cosa sbagliata. Alcuni esperti sono divisi su questo, e la preoccupazione è che potrebbe dissuadere alcune persone dall’esercizio, ma non possiamo seppellire la testa al riguardo”.

Vorrebbe vedere più ricerche, come un registro diffuso di atleti coinvolti negli sport di resistenza e, infine, una sperimentazione clinica che includa i risultati della risonanza magnetica.

McCullough faceva parte dello studio del 2012 che ha utilizzato la risonanza magnetica per identificare i corridori di lunga distanza il cui atrio e ventricolo destro si sono dilatati immediatamente dopo una maratona e fino a 24 ore dopo. Comprendeva anche esami del sangue che mostravano un aumento dei biomarcatori che sono indicatori di stress e lesioni cardiache.

“La nostra teoria è che il 25 per cento delle persone sono suscettibili a questa lesione ricorrente del cuore” ha aggiunto McCullough.

Un sottoinsieme più piccolo, stima circa l’1%, potrebbe essere soggetto a cicatrici. La fibrosi miocardica o la cicatrizzazione del cuore possono portare a insufficienza cardiaca.

Uno studio pubblicato nel 2017 sui triatleti ha mostrato che il 18% dei partecipanti maschi, quelli che si allenavano e gareggiavano di più, avevano più cicatrici al cuore rispetto agli altri atleti.

Meyer, che ha terminato 16 maratone, cerca di mantenere una serie di corse giornaliere, anche se si tratta di poche miglia al giorno. Ha detto che le linee guida federali di almeno 150 minuti di esercizio a intensità moderata a settimana o di almeno 75 minuti a un’intensità vigorosa “sono ragionevoli e promuovono la salute del cuore a lungo termine”.

Ha indicato uno studio della Stanford University pubblicato nel 2008 incentrato su corridori e non corridori sulla cinquantina. I ricercatori li hanno monitorati per più di due decenni.

All’inizio dello studio, i corridori correvano in media circa quattro ore a settimana. Dopo 21 anni, il loro tempo di esecuzione è sceso a una media di 76 minuti a settimana, ma stavano ancora riscontrando benefici per la salute. A 19 anni dall’inizio dello studio, il 34% dei non corridori era morto rispetto al 15% dei corridori.

Il dottor David Sabgir, cardiologo del Mount Carmel Health Systems a Columbus, Ohio, ha affermato di non volere che gli studi che si applicano a un segmento di corridori di lunga distanza hardcore dissuadano gli altri dall’esercizio.

“I tassi di sedentarietà in questo paese sono scioccanti” – ha detto il medico statunitense.

Nel 2005, Sabgir ha fondato Walk with a Doc, un programma sanitario che riunisce medici e pazienti per camminare nelle loro comunità. Ora è presente in 473 siti in 25 paesi.

Sabgir, che ha corso circa 10 maratone, è stato recentemente su una corsa di 4 miglia con gli amici e hanno concordato sui molti altri vantaggi.

“Questa connessione sociale è probabilmente altrettanto vantaggiosa per l’attività fisica. Sono stato così concentrato sul cardiovascolare, ma ci sono riduzioni delle malattie mentali, dell’artrite e dei tumori… Il potere dell’esercizio e del running può essere miracoloso” – ha concluso McCullough.

2 COMMENTS

Comments are closed.