histats.com

Soccorso extra-ospedaliero: “stay and play” versus “scoop and run”.

Soccorso extra-ospedaliero: “stay and play” versus “scoop and run”.

Le differenze fondamentali tra l’approccio extraterritoriale “stay and play” e quello “scoop and run”

L’approccio al soccorso extraospedaliero si differenzia in base al territorio. Infatti con più probabilità verrà adottata una metodologia “stay and play” in località remote, mentre in luoghi limitrofi ai pronto soccorso sarà adottato il metodo “scoop and run”.

I termini anglosassoni “stay and play” e “scoop and run” riassumo due approcci opposti al soccorso. Per “stay and play” si intende quell’approccio più utilizzato nei paesi anglosassoni dove i soccorritori approcciano in maniera attiva durante il soccorso. Letteralmente “stay and play” si traduce come: restare e agire. Tale approccio prevede che il soccorso sia effettuato principalmente nel luogo dove avviene il soccorso, dunque gli operatori che per primi soccorrono il paziente potranno occuparsene per esempio con le dotazioni a disposizione sul mezzo di soccorso e steccare una frattura composta oppure operare terapie rianimatorie.

L’approccio del soccorso extraospedaliero denominato “scoop and run” è quello più diffuso nel Bel Paese; infatti in italia la rete del soccorso si sviluppa principalmente facendo riferimento agli ospedali. Pertanto gli operatori che operano il soccorso cercheranno di condurre la persona nel più breve tempo possibile in ospedale, riducendo il più possibile i tempi del soccorso extraospedaliero. Letteralmente traduciamo “scoop and run” come raccogli e corri.

Avatar

Dott.ssa Giulia De Francesco

Infermiera, classe 1994. Vive a Imola e lavora presso l’Istituto di Montecatone - Ospedale di Riabilitazione; ha prestato la sua opera in passato nell'AUSL Romagna. Laurea in infermieristica con Lode presso l'Università di Bologna, I sessione (ottobre 2016). Master in funzioni di coordinamento con Lode presso l'Università di Modena e Reggio Emilia, I sessione (novembre 2018). Una pubblicazione scientifica sulla rivista italiana ANIPIO "Sperimentazione di una check-list per implementare un Bundle per la prevenzione delle batteriemie correlate a Catetere Venoso Centrale" (ottobre 2017). Ama leggere e camminare, non datele un microfono perché improvvisa un karaoke ovunque.

© 2019-2020 Tutti i diritti sono riservati ad AssoCareINFormazione.it.

© 2019 ACN | Assocarenews.it

Associazione di promozione culturale – In attesa di registrazione al Tribunale di Bologna.

Direttore: Angelo “Riky” Del Vecchio – Vice-Direttore: Marco Tapinassi

Incaricati di Redazione: Giulia De Francesco, Lorisa Katra, Michela Ciavarella, Giovanni Maria Scupola, Ivan Santoro, Gioacchino Costa.

Per contatti: WhatsApp > 3805851500 – Cellulare 3489869425 Scrivici PEC

Redazione Emilia Romagna: Viale Spadolini, 13 – Ravenna – Codice Fiscale: 91022150394

Redazione Toscana: Via Girolamo Fracastoro, 27 Firenze – Codice Fiscale: 91022150394

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: