Pubblicità

Due equipaggi del 118 sono stati letteralmente sequestrati dai parenti di una paziente su cui erano intervenuti: liberati dai carabinieri!

Sei persone di cui un medico, un infermiere e quattro autisti sono stati sequestrati dai parenti di una donna su cui erano intervenuti. E’ successo il 2 Ottobre a Rossano-Corigliano, in Calabria.

La chiamata per arresto cardiaco, nonostante il rapido arrivo e le manovre salvavita, aveva avuto esito infausto: la donna colpita era morta.

A questo evento i parenti hanno reagito sequestrando tutto il personale accorso sulla scena, due equipaggi del 118, chiudendoli in casa e recriminando sulle sorti della cara appena mancata.

Sono dovuti intervenire i carabinieri per liberarli.

La famiglia adesso rischia in tribunale avendo eseguito “arresto di persona” e “interruzione di pubblico servizio”.